QR code per la pagina originale

Altre applicazioni Google in arrivo sull’iPhone

,

Eric Schmidt, chief executive di Google, recentemente è stato intervistato sulla collaborazione tra Google e Apple (in particolare relativamente all’iPhone) ed ecco la risposta:

iPhone is a powerful new device and is going to be particularly good for the apps that Google is building. You should expect other announcements from the two companies over time,

L’iPhone è un nuovo potente dispositivo e sarà particolarmente adatto alle applicazioni che Google sta costruendo. Dovreste aspettarvi altri annunci dalle due compagnie in futuro.

In effetti l’iPhone sembra la piattaforma perfetta per il tipo di software che sta progettando (e inventando) la grande G.

Certo lo smart-phone dispone di una memoria limitata (4 o 8 GB sono pochi per OS X, applicazioni, musica, video e foto), però grazie alle buone capacità di connettività l’iPhone potrebbe disporre di un insieme di applicazioni e servizi praticamente infinito.

Ancora non è stato chiarito se le applicazioni per iPhone sviluppabili in AJAX da chiunque potranno essere installate nella memoria locale o necessiteranno di una connessione a internet. La seconda scelta potrebbe comportare sicuramente degli inconvenienti ma consentirebbe di avere a disposizione una quantità di applicazioni veramente sterminata e superare senza problemi il limite dei pochi GB a disposizione.

Su questa scia forse non è fantascienza immaginare un futuro iTunes Store in cui i brani acquistati non verranno scaricati nel computer locale ma saranno accessibili da qualsiasi Mac, PC o iPhone semplicemente eseguendo il login nel proprio account Apple.