QR code per la pagina originale

Article Marketing interno: dalla massa di traffico a quella di informazioni

,

Finora abbiamo sempre parlato di article marketing facendo riferimento alla pubblicazione di articoli su directory ed altri siti di aggregazione di contenuti.

I lettori più fedeli sanno che sono un sostenitore “accanito” di questo tipo di strategia, a tal punto che ho deciso di rivederne parte dei fondamenti. Voglio infatti parlarvi di ciò che io chiamo article marketing interno: una soluzione un po’ più dispendiosa ma che può rivelarsi decisamente producente.

Se da un lato lo scopo dell’article marketing è quello di attirare traffico in target e in grandi quantità sul proprio sito, dall’altro può essere sfruttato per dare vita ad un possente centro informativo interno che attirerà sì utenti (anche se in minor quantità), ma soprattutto influenzerà notevolmente il posizionamento.

Pensate ad un sito web aziendale basilare, composto da una sezione con i servizi, ognuno presentato con una propria pagina, ed un’altra dove vengono presentate le informazioni sull’azienda (es. chi siamo, contatti, ecc…). Si decide di aprire una terza sezione: ad esempio una piccola area news dove vengono pubblicati regolarmente articoli d’approfondimento.

Di che cosa scrivere? In che formato distribuire le informazioni? Come correlare tutto con le altre due sezioni del sito? Ecco subito qualche consiglio:

  • Trattare argomenti correlati a quelli dei propri servizi. Ciò comporta una tematizzazione più approfondita dell’intero sito e la possibilità di aggregare news ed approfondimenti in corrispondenza delle pagine dei propri prodotti.
  • Utilizzare le chiavi della propria long tail come riferimento per scrivere articoli e quindi “attaccare” nuove SERPs in target.
  • Sfruttare questa sezione per fare comunicazione istituzionale al fine di spingere (al livello di posizionamento) le pagine informative dell’azienda.
  • Offrire risorse correlate (esterne) quali link a strumenti e/o pagine utili per soddisfare la sete d’informazione dell’utente e tematizzare ulteriormente il sito (così come sostiene anche Stefano Gorgoni “Must” – punto 2 dell’elenco di considerazioni a fine articolo).

Una strategia così strutturata vi porterà col tempo alla produzione di una notevole quantità di dati: il “cibo” preferito dei motori di ricerca. Questi, inoltre, se di qualità, garantiranno una link popularity costante grazie a blog ed altri siti di news che si rifaranno ai vostri articoli e vi regaleranno stabilità nelle SERP.

Per non parlare poi della credibilità aziendale: vedere un’azienda interessata alle novità del proprio settore trasmette un’immagine di serietà, dinamismo e professionalità. Significa che siete al passo con i tempi.

Che ne pensate? Il gioco vale la candela o preferite sprecare meno risorse e continuare sulla strada dell’article marketing – per così dire – generalista?