Nokia compra il sito di photo-sharing Twango

Nokia ha acquisito Twango, compagnia dedita ad fornire servizi di condivisione video, con l’intento di offrire a propri utenti un modo semplice ed immediato per condividere il materiale multimediale racchiuso nei loro dispositivi portatili

Nokia, il più grande produttore mondiale di telefoni cellulari, ha completato l’acquisizione di Twango, una compagnia situata negli Stati Uniti e dedita a fornire servizi di condivisione per video, foto e audio. L’acquisto segna un passo avanti per Nokia nella direzione del web, fornendo ai propri utenti un modo facile e veloce per condividere su Internet il proprio materiale multimediale utilizzando il computer desktop, i dispositivi portatili o i telefoni cellulari. In aggiunta, Nokia entra in contatto grazie a Twango con un team con una grande esperienza nel campo del ‘social media’ e dei servizi web. «L’acquisizione di Twango rappresenta un concreto passo avanti nelle nostra visione dei servizi Internet capaci di fornire accesso alle informazioni, al divertimento e al social network in ogni momento, ovunque, da qualunque apparecchio connesso, nel modo desiderato&raquo, ha dichiarato Anssi Vanjoki, executive vice president e general manager multimedia Nokia.

L’acquisizione fornirà a Nokia nuove opportunità per potenziare ulteriormente l’esperienza di condivisione sperimentabile dai propri utenti, fornendo loro accesso ad ulteriori nuove tipologie di materiale: «possediamo la miglior suite per l’esperienza multimediale inclusa musica, navigazione, giochi e – grazie all’acquisizione di Twango – foto, video e una gran varietà di documenti». Un telefono Nokia di ultima generazione, quale un modello della serie N, sarà in grado quindi di offrire, una volta combinato con i servizi offerti da Twango, «modi nuovi ed eccitanti per creare e godere di ricche esperienze multimediali in tempo reale».

Twango è una compagnia privata fondata da personale ex Microsoft con sede a Redmond, Washington, negli USA. A differenziarla dalle molte altre società che operano nei servizi di social media, è la grande varietà di formati supportati e le molte possibilità offerte agli utenti per gestire e condividere i loro contenuti multimediali. «La visione di Nokia del social media è perfettamente in linea con quella di Twango», ha affermato il co-fondatore dell’azienda acquisita Jim Laurel: «ora possediamo tutte le risorse per far maturare il nostro desiderio di permettere alle persone di catturare e godere dei loro contenuti multimediali personali sia che si trovino su apparecchi mobili, che su computer desktop o nei posti per loro più importanti».

Nessun dato è stato rilasciato riguardo l’entità della compravendita, ma fonti del Wall Street Journal la stimano inferiore ai 70 milioni di dollari.

Ti potrebbe interessare