Heat-Pipe, questo sconosciuto

Heat Pipe, Silent Pipe, ormai ne parliamo da mesi, è un sistema di raffreddamento passivo o attivo, attualmente montato sulla maggior parte delle schede madri in commercio e su molte schede video.È un sistema molto efficiente, in quanto già in via passiva (senza l’utilizzo di ventole) consente il raffreddamento necessario al funzionamento di una scheda

Heat Pipe, Silent Pipe, ormai ne parliamo da mesi, è un sistema di raffreddamento passivo o attivo, attualmente montato sulla maggior parte delle schede madri in commercio e su molte schede video.

È un sistema molto efficiente, in quanto già in via passiva (senza l’utilizzo di ventole) consente il raffreddamento necessario al funzionamento di una scheda video, come nel caso delle schede video SilentPipe di Gigabyte, totalmente silenziose.

Negli ultimi periodi stanno comparendo anche sistemi di raffreddamento per CPU basate sull’heat pipe, anche se attivi, ma come funziona in realtà questo sistema che ha stravolto i tradizionali sistemi di raffreddamento?

L’heat pipe, dall’inglese “condotto termico”, è un sistema che effettua uno scambio di calore tra due estremità, servendosi di un tubo sigillato, in lega termoconuttrice, quale alluminio o più spesso rame. All’interno di questo tubo spesso si trovano dei fluidi, a volte anche semplice acqua, che trasformandosi in vapore si trasferisce all’estremità più fredda dove tornerà prima allo stato liquido, poi alla sua posizione iniziale dove il ciclo si riavvierà.

L’efficienza del raffreddamento, ovviamente, dipende anche dal liquido adottato per il sistema, ad esempio l’elio è sufficiente per condizioni di surriscaldamento non troppo elevato, e, al contrario il mercurio, invece, per le condizioni di surriscaldamento estremo.

Ti potrebbe interessare
Teoria aperta su BlogBabel
Software e App

Teoria aperta su BlogBabel

Affinché non muoiano nel modesto contesto del mio solo cranio, vorrei riversare fuori una serie di riflessioni che maturo da un po’ di tempo relativamente alle varie classifiche del web. Partendo dal principio, passando per il metodo, arrivando all’applicazione finale. Voglio proporla come una sorta di “teoria aperta” a cui spero qualcuno voglia apporre il

Google Image Labeler: sfida a colpi di tag
Software e App

Google Image Labeler: sfida a colpi di tag

Google ha ideato un modo simpatico ed innovativo per mettere ordine e far pulizia nel proprio archivio di immagini: gli utenti possono sfidarsi a colpi di tag per indovinare come una immagine è archiviata e così facendo contribuisce automaticamente