E se Apple decidesse di acquisire Adobe?

A poche ore dall’inaugurazione del Mac World Show si è iniziato a rumoreggiare sul futuro del colosso statunitense. A San Francisco le voci corrono veloci sulla possibilità di un’unione tra Apple e Adobe. L’intrigante ipotesi viene avanzata da Dan Farber e Larry Dignan sul loro blog ZdNet, citando un articolo su Pbs.org. L’idea è supportata

A poche ore dall’inaugurazione del Mac World Show si è iniziato a rumoreggiare sul futuro del colosso statunitense. A San Francisco le voci corrono veloci sulla possibilità di un’unione tra Apple e Adobe.

L’intrigante ipotesi viene avanzata da Dan Farber e Larry Dignan sul loro blog ZdNet, citando un articolo su Pbs.org.

L’idea è supportata dal fatto che Apple pare abbia a disposizione 15 miliardi cash da investire e Adobe dovrebbe valere circa 22 miliardi di dollari.

La stretta amicizia che unisce Steve Jobs e John Warnock è un dato di fatto che non fa altro che avvalorare la congettura.

E allora possiamo provare a pensare cosa succederebbe se Apple decidesse di acquistare Adobe…

Senza dubbio diventerebbe il nemico numero uno di Microsoft ottenendo il dominio assoluto sul mercato dei contenuti digitali ma, la svolta rivoluzionaria potrebbe essere la sinergia tra Flash e Quicktime che renderebbe qualsiasi altro standard video semplicemente irrilevante.

Secondo Zdnet, l’unico punto cruciale che renderebbe l’ipotesi dubbia risiede nella vision perseguita fin d’ora dalla Apple. L’acquisizione, infatti, data la sua complessità, potrebbe rappresentare per Jobs una distrazione rispetto alla semplicità dei suoi Mac, iPhone, iPod e iLife.

Come viene riportato dal post di Roberto, il 2007 per la Apple è stato un anno d’oro, nel 2008 potremmo parlare di iAcrobat, iFlash e iPhotoshop? A quanto dicevano i cartelloni dell’expo di quest’anno una cosa è certa: “There is something in the Air!”. Sarà solo MacBook Air?

Ti potrebbe interessare
L’iPod Nano che verrà
Apple

L’iPod Nano che verrà

Manca davvero poco all’evento organizzato da Apple per il 1 settembre, appuntamento che cade leggermente in anticipo rispetto agli altri anni ma che, quasi certamente, rispetterà la tradizione di essere dedicato esclusivamente al settore musicale e in particolare alla presentazione dei nuovi iPod. I rumor sono concentrati prevalentemente sulle novità per iPod Touch e su

BSA, la pirateria non è conveniente
Software e App

BSA, la pirateria non è conveniente

La BSA persegue la propria battaglia contro la pirateria informatica operando azioni repressive presso le aziende e quindi comunicando il tutto per rendere evidente a tutto il comparto quanto la pirateria possa essere non un vantaggio, ma un danno