QR code per la pagina originale

La crisi non frena la vendita di PC

Nonostante un'incipiente crisi economica, le vendite dei personal computer continuano a crescere grazie alla domanda dei paesi in via di sviluppo. Buone notizie anche per Apple, che nel mercato interno statunitense guadagna il terzo posto, superando Acer

,

Nonostante i prodromi di una possibile, e minacciosa, crisi economica per i paesi più avanzati, continuano a crescere le vendite di personal computer su scala globale. I dati sul secondo trimestre di quest’anno dimostrano, infatti, una crescita superiore alle aspettative, favorita dalla domanda sempre più consistente dei paesi in via di sviluppo e da un dollaro progressivamente più debole che, unito alla relativa stagnazione dei mercati, favorisce l’acquisto a prezzi vantaggiosi dei nuovi dispositivi.

I dati sull’andamento delle vendite dei personal computer sono stati forniti da due gruppi di ricerca distinti che, nonostante alcune discrepanze, sembrano tracciare un quadro particolarmente affidabile sul secondo trimestre del 2008. Per la società di consulenza Gartner, le consegne di nuovi PC sarebbero aumentate del 16% rispetto a un anno fa, portandosi così a circa 72 milioni di personal computer distribuiti. Una cifra sensibilmente alta e non prevista dalla società di rilevazione, che tempo fa aveva ipotizzato una crescita dell’11,2% per il trimestre da poco terminato.

Anche IDG sembra confermare, in linea di massima, i risultati comunicati da Gartner. Un gruppo di ricerca della società ha infatti stimato un aumento del 15,3% nelle consegne di nuovi personal computer, pari a circa 70,6 milioni di dispositivi venduti. La discrepanza tra le due società è dovuta al differente metodo di rilevazione dei dati, ma il trend indicato dai due soggetti sembra confermare una crescita notevole del settore, nonostante il difficile periodo per l’economia internazionale.