Motorola fronteggia la crisi: chiuso Centro Ricerca di Torino

L’aria di crisi economica che si prospetta all’orizzonte, con quella finanziaria già in atto, si fa sentire anche nel settore delle telecomunicazioni.La Motorola ha deciso, a fronte di un riordino globale che conta 3000 riduzioni di personale, di dismettere il Centro Ricerche di Torino e di ridimensionare i centri di Milano.Questo costerà il posto di

L’aria di crisi economica che si prospetta all’orizzonte, con quella finanziaria già in atto, si fa sentire anche nel settore delle telecomunicazioni.

La Motorola ha deciso, a fronte di un riordino globale che conta 3000 riduzioni di personale, di dismettere il Centro Ricerche di Torino e di ridimensionare i centri di Milano.

Questo costerà il posto di lavoro ai 370 dipendenti del Centro Ricerche di Torino e di altri 30 nelle sedi distaccate.

Particolarmente grave è la decisione di chiudere un polo che, in soli quattro anni di attività, è divenuto di eccellenza nel settore della telefonia mobile.

L’azienda già da tempo non vive periodi particolarmente redditizi, ne è al conferma il superamento di Samsung nella classifica delle vendite globali, che vede attualmente Motorola al terzo posto.

Adesso Motorola corre ai ripari dividendosi in due aziende (spin off):

  • Mobile Devices business che continuerà ad occuparsi dei device di telefonia mobile;
  • Broadband & Mobility Solutions business, per quanto riguarda il settore reti a banda larga.

Basterà tutto questo all’azienda per riguadagnare spazio in un mercato in cui alcuni anni fa occupava posizioni da leadership?

Ti potrebbe interessare