Sinclair ZX80 – il nonno dello ZX Spectrum

Il primo home computer progettato da Ser Clive Sinclair fu lo ZX80.Messo in vendita a partire dal 1980 era molto caratteristico sin dall’aspetto, simile ad un’astronave dei film di fantascienza.Rimase in produzione per poco più di un anno, e ne furono venduti circa 70.000 esemplari.Si tratta del capostipite di una fortunata serie di home computer,

Il primo home computer progettato da Ser Clive Sinclair fu lo ZX80.

Messo in vendita a partire dal 1980 era molto caratteristico sin dall’aspetto, simile ad un’astronave dei film di fantascienza.

Rimase in produzione per poco più di un anno, e ne furono venduti circa 70.000 esemplari.

Si tratta del capostipite di una fortunata serie di home computer, seguito dallo ZX81 e poi dallo ZX Spectrum.

Come nella filosofia di Ser Clive Sinclair, questo computer veniva prodotto con un occhio di riguardo all’economicità a vantaggio dell’utente finale.

Per ridurre i costi lo ZX80 non era dotato di circuiti dedicati alle funzioni di input e output, funzioni che venivano svolte completamente dalla CPU creando, ovviamente, un rallentamento nella risposta tra la pressione sulla tastiera e la visualizzazione a monitor.

La tastiera era composta da una membrana che permetteva la digitazione direttamente sulla scheda madre, quest’ultima era dotata di una memoria ROM da 4KB in cui erano istallati il sistema operativo, un modulatore video e l’interfaccia per il registratore.

Lo ZX80 era dotato di una versione del linguaggio Basic prodotta dalla stessa Sinclair, si trattava di una versione molto limitata, che non poteva gestire numeri a virgola mobile.

Una novità interessante però era data dal fatto di non dover digitare lettera per lettera i comandi, ma ad ogni bottone erano associate più comandi attivabili tramite l’uso di appositi tasti funzione.

Ti potrebbe interessare
Gdata ci mette in guardia dal file sharing
Prezzi e tariffe

Gdata ci mette in guardia dal file sharing

Un avvertimento che giunge direttamente dal Gdata Security Labs: attenzione a scaricare patch, trucchi e crack dai circuiti peer to peer, si rischia di infettare il proprio sistema.Infatti, molto spesso i cyber-criminali sfruttano la potenza del file sharing e l’ingenuità degli utenti per installare sui computer software dannoso, che delle volte può permettere addirittura di

Galeotto fu l’SMS e chi l’ha scritto
Web e Social

Galeotto fu l’SMS e chi l’ha scritto

Quando la tecnologia non assediava la nostra vita per corteggiare una donna si spedivano mazzi di rose (rigorosamente dispari) anche a kilometri di distanza. Ma è normale per certi versi che i tempi e i costumi cambino.La convergenza dei dispositivi della quale sempre più spesso si parla favorisce la creazione di servizi curiosi e a

Windows Vista, scoperta una vulnerabilità
Software e App

Windows Vista, scoperta una vulnerabilità

Una vulnerabilità in Windows Vista è stata scoperta da eEye e notificata a Microsoft già in data 19 Gennaio. Un qualsiasi utente potrebbe sfruttarla in locale per alzare i propri permessi ed operando in qualità di amministratore del sistema