Intel: nVidia non deve produrre chipset per Core i7

Potremmo non vedere mai i processori Intel Core i7 in accoppiata con un chipset nVidia. È infatti decisa e netta la posizione di Intel riguardo la sua ultima generazione di processori.Il produttore di CPU ha chiesto al tribunale di impedire a nVidia di progettare e costruire dei chipset per la nuova architettura, ritenendo che la

Potremmo non vedere mai i processori Intel Core i7 in accoppiata con un chipset nVidia. È infatti decisa e netta la posizione di Intel riguardo la sua ultima generazione di processori.

Il produttore di CPU ha chiesto al tribunale di impedire a nVidia di progettare e costruire dei chipset per la nuova architettura, ritenendo che la licenza concessa a nVidia non debba estendersi anche alle generazioni di CPU progettate dopo l’accordo iniziale.

nVidia sostiene invece che la licenza, che porta la data del 2004, si possa applicare anche ai Core i7.

Jen-Hsun Huang, CEO e presidente di nVidia, ritiene che la posizione presa da Intel riguardi il crescente interesse per le GPU, che grazie a recenti tecnologie come il CUDA, che permette di spostare parte dei calcoli generici dalla CPU all’unità grafica, minerebbero lo strapotere e il controllo che Intel esercita sul mercato e l’architettura alla base dei PC.

Per sapere come andrà a finire occorrerà attendere la decisione dei giudici. Comunque vada nVidia potrà continuare a produrre chipset per le CPU Intel fino al Core 2, incluso lo nVidia Ion dedicato ai processori della serie Atom.

Difficile dare un giudizio sulla faccenda. Intel è l’unica a detenere tutti i diritti sui propri processori, anche se la sua posizione ha un sottile profumo di protezionismo.

Ti potrebbe interessare
Si, la ripresa si vede: è nella trimestrale Intel
Business

Si, la ripresa si vede: è nella trimestrale Intel

Intel ha annunciato i propri dati trimestrali portando una ventata d’ottimismo a tutto il listino. Vendite al di sopra delle attese, profitti in crescita e, soprattutto, chiare indicazioni di un ritorno agli investimenti da parte del comparto business

Una versione gratuita di Office 2010 utilizzabile online
Microsoft

Una versione gratuita di Office 2010 utilizzabile online

Office 2010 arriverà a gennaio 2010 e sarà utilizzabile online. A parlarne è stato Chris Capossela (vice presidente della divisione che cura questa sezione software) che ha offerto qualche dettaglio in più sulle date di rilascio e le versioni della nuova suite.Una delle novità più importanti di Office 2010 riguarda la distribuzione di una versione

Apple aggiorna QuickTime alla versione 7.4.1
Software e App

Apple aggiorna QuickTime alla versione 7.4.1

Apple ha rilasciato un aggiornamento per quanto riguarda QuickTime alla versione 7.4.1. Risolti alcuni problemi relativi alla sicurezza, tra cui una vulnerabilità di tipo buffer overflow, e migliorata la compatibilità con alcuni applicativi di terzo parti

Google nell’editoria cartacea con il New York Times

Google nell’editoria cartacea con il New York Times

Solo rumor o realtà? La notizia che correva in rete e sui giornali qualche giorno fa è il probabile acquisto da parte di Google dell’autorevole quotidiano americano New York Times.Google, quindi, starebbe valutando la possibilità di entrare nel mondo dell’editoria cartacea considerando appunto una delle testate più prestigiose della stampa statunitense.

Yahoo compra BuzzTracker
Business

Yahoo compra BuzzTracker

Yahoo ha fatto propri il gruppo Participate Media, il suo servizio di punta BuzzTracker ed il CEO Alan Warms, il quale entrerà direttamente nel management di Sunnyvale assumendo la responsabilità del settore news. Cauti gli analisti sui milioni versati

Hictu, il nuovo Twitter made in Italy
Software e App

Hictu, il nuovo Twitter made in Italy

Hictu, come Twitter e più di Twitter. Come Twitter il servizio permette una semplice formula di micro-blogging, ma più di Twitter v’è la registrazione audio/video, varie opzioni di community e l’agenda. Il tutto rigorosamente made in Italy