QR code per la pagina originale

Lo ZunePhone sarà realizzato con Verizon

Nome in codice: Pink. Microsoft e Verizon starebbero valutando la possibilità di lanciare un telefono anti-iPhone basato su Windows Mobile per contrastare l'egemonia Apple. Software e hardware disegnati da Microsoft, produzione in mano ad aziende terze

,

Microsoft starebbe pianificando assieme a Verizon il lancio di uno smartphone dal design prodotto in proprio dall’azienda: a rivelare l’indiscrezione è il Wall Street Journal. Sia il software che l’hardware sarebbero disegnati a Redmond, mentre la produzione effettiva sarebbe lasciata a terze parti (e c’è chi sostiene possa essere coinvolta nel progetto HTC).

Il telefono sarebbe una sorta di risposta all’iPhone e dovrebbe essere basato sul software noto con il nome in codice di Pink, un misto tra Windows Mobile e Zune. Si tratterebbe di un sistema operativo in grado di funzionare da smartphone, appunto, ma anche da lettore mp3. L’operazione sembrerebbe quindi ricalcare per molti versi quella che Apple ha avviato con l’iPhone (non a caso il tutto si baserebbe anche sul touchscreen).

Se Cupertino infatti distribuisce il suo telefono con AT&T, Redmond lo farà con Verizon e sarà un’ulteriore (e vera) occasione per dare senso e clienti al suo Windows Mobile Marketplace, l’equivalente Microsoft dell’App Store. Intanto, però, girano rumor molto insistenti anche sul fatto che Verizon stia discutendo con Apple per valutare la possibilità di immettere sul mercato per il 2010 una sorta di iPhone lite che funzioni sulla rete CDMA.

La speranza condivisa è che il sistema operativo del nuovo fantomatico smartphone non sia semplicemente Windows Mobile 7 + Zune, ma qualcosa di più complesso che sappia avvantaggiarsi della suite di servizi Windows Live. Del resto Microsoft ha già siglato un accordo quinquennale con Verizon in virtù del quale i telefoni del carrier utilizzeranno Windows Live come motore di ricerca default.

Il montare delle speculazioni in materia ha infine costretto Microsoft, da prima silente, a rilasciare un comunicato alla stampa molto blando nel quale spiega: «La strategia di Microsoft non è cambiata, è ed è sempre stata quella di fornire software alle industrie. Lavoriamo a stretto contatto con molti operatori mobili e costruttori di device di tutto il mondo perchè i clienti vogliono differenti tipi di esperienza su differenti tipologie di telefoni».