QR code per la pagina originale

Intel Core i5 e Core i7: ecco le cpu Lynnfield

Intel ha annunciato la disponibilità sul mercato dei nuovi Intel Core i5, Intel Core i7 ed Intel Xeon serie 3400. Microarchitettura Nehalem, consumi ridotti e funzionalità avanzate portano i nuovi chip Lynnfield in una fascia di alte prestazioni

,

Intel Core i5, Intel Core i7, Intel Xeon serie 3400: sono questi i nomi che portano la microarchitettura Intel Nehalem nei PC desktop e dei server in fascia entry-level, consegnando così ad Intel una nuova forte leva di mercato per i mesi a venire. «Questi nuovi chip, conosciuti con il nome in codice “Lynnfield“, sono basati sull’innovativa microarchitettura Intel Nehalem e sono destinati agli utenti che richiedono prestazioni elevate per i media digitali, la produttività, i videogame e altre applicazioni impegnative. I processori, insieme al nuovo chipset Intel P55 Express, sono già disponibili in commercio».

Spiega il comunicato ufficiale diramato dal gruppo: «Il nuovo chipset prevede le modifiche architetturali più rivoluzionarie dall’invenzione del bus PCI nei primi anni ’90 e prepara il terreno per la nuova piattaforma informatica Intel prevista nel 2010. Il chipset Intel P55 Express rappresenterà il componente di base di riferimento per le schede madri a livello mondiale, offrendo nuovi livelli di prestazioni e scalabilità per tutti gli utenti, sia che acquistino soluzioni disponibili in commercio, sia che dispongano delle competenze tecniche per assemblarli da soli». I nuovi processori sono stati inizialmente annunciati a fine 2008, quando già le principali caratteristiche furono elencate e la nuova produzione lasciava preludere alla nuova potenza di fuoco che Intel stava mettendo in campo (tecnologia Hyper-Threading, rinnovata gestione della RAM, Intel Turbo Boost ed altro ancora).

L’introduzione delle nuove famiglie va progressivamente a spingere fuori dal mercato gli Intel Core 2. Secondo l’approfondita analisi Tom’s Hardware, i nuovi prodotti sono destinati a mettere particolare pressione su AMD, anche dal punto di vista dei consumi energetici: «È immediatamente visibile la riduzione dei consumi con le nuove soluzioni Core i5 e Core i7, persino in modalità idle. Entrambi i prodotti Lynnfield consumano 20 watt in meno del Core 2 Quad Q9550S, che abbiamo usato fino a oggi per replicare le prestazioni di un Q9550 standard. Il modello “S” ha un TDP di 65 watt, quindi il risultato ottenuto dai Core i7 870 e il Core i5 750 in idle acquista maggior valore».