La nuova Apple TV messa a nudo: memoria flash da 8GB e RAM da 256 MB

Puntuale come un orologio svizzero, dopo l’unboxing dell’Apple TV di di seconda generazione, è arrivato anche il Teardown, ovvero lo smontaggio del dispositivo, realizzato come al solito da iFixit, con tanto di analisi dettagliata della componentistica interna.Al di là del fascino che riveste un’operazione del genere, i teardown di iFixit, sono importanti anche perché spesso

Puntuale come un orologio svizzero, dopo l’unboxing dell’Apple TV di di seconda generazione, è arrivato anche il Teardown, ovvero lo smontaggio del dispositivo, realizzato come al solito da iFixit, con tanto di analisi dettagliata della componentistica interna.

Al di là del fascino che riveste un’operazione del genere, i teardown di iFixit, sono importanti anche perché spesso non mancano di rivelare particolari inaspettati dell’assemblaggio e della componentistica interna: anche questa volta le sorpresa non sono mancate, a partire dalle tante similitudini con iPad.

Data un’occhiata all’esterno, ed evidenziati il numero di serie e le diverse uscite di cui dispone Apple TV, si passa immediatamente all’apertura del box (non particolarmente impegnativa, ma pur sempre un’operazione delicata); una volta estratta la scheda logica abbiamo subito la prima sorpresa: sembra esserci una predisposizione per un connettore dock a 30 pin, come quello dell’iPad.

Proseguendo nell’analisi della scheda logica, viene rilevato un chip Samsung K9LCG08U1M: si tratta di una memoria flash da 8GB (esattamente lo stesso chip dell’iPad) che sicuramente viene utilizzata come cache per lo streaming video ma si nota anche dello spazio vuoto (che potrebbe ospitare un chip identico) e chissà che in futuro la memoria non possa essere destinata ad altri scopi (penso ad una funzione di storage o semplicemente al salvataggio di applicazioni dedicate).

Andiamo avanti con l’analisi e troviamo ancora dei componenti identici a quelli dell’iPad ovvero la scheda WiFi della Panasonic con processore Broadcom, il processore Apple A4 e la memoria RAM da 256 MB.

In fine viene fatto notare anche come l’alimentatore interno sia caratterizzato da un assorbimento di soli 5.95 Watt (3.7 V e 1.75 A), rendendo la nuova Apple TV uno dei set top box più ecologici in commercio.

Quello che emerge è una pressoché totale compatibilità tra Apple TV e iPad (come si era già intuito spulciando all’interno del firmware 4.1) cosa che apre al facile porting delle applicazioni per iPad su Apple TV ma che fa anche sperare in interessanti novità per la prossima generazione di iPad: quanti di voi aspettano che il tablet di Cupertino sia dotato di porta micro USB e uscita HDMI?

Ti potrebbe interessare
La tragiclassifica della classifica di Wikio
Web e Social

La tragiclassifica della classifica di Wikio

Il giorno dei morti porta alla ribalta la classifica di novembre di Wikio. Croce e delizia di molti blogger, specialmente di chi dice di non darvi alcun peso, la hit parade del famoso aggregatore viene confezionata da un paio di mesi con nuovi criteri, concepiti da qualche mente con il pallino per l’algoritmo democratico. Il

Google, un regalino per le Creative Commons
Web e Social

Google, un regalino per le Creative Commons

Una cifra simbolica (soprattutto al cospetto dell’abnorme valore attuale del motore di ricerca), ma un regalo significativo: Google ha donato a Creative Commons, l’organizzazione che gestisce lo sviluppo delle omonime licenze, 30.000 dollari.Creative Commons (CC) significa licenza che garantisce la titolarità dei diritti ma al contempo la concessione d’uso dei contenuti in totale rispondenza con