Apple perde Greame Devine, il guru dei videogiochi

Graeme Devine, l’uomo che ha più contribuito alla diffusione del gaming su piattaforme iOS, ha lasciato Apple dopo un anno di proficuo lavoro. Le dimissioni dell’esperto potrebbero creare grossi problemi a Cupertino: grazie a Devine, infatti, i titoli di App Store si son fatti via via più appetitosi, tanto da attrarre anche nomi blasonati dell’industria

Graeme Devine, l’uomo che ha più contribuito alla diffusione del gaming su piattaforme iOS, ha lasciato Apple dopo un anno di proficuo lavoro. Le dimissioni dell’esperto potrebbero creare grossi problemi a Cupertino: grazie a Devine, infatti, i titoli di App Store si son fatti via via più appetitosi, tanto da attrarre anche nomi blasonati dell’industria ludica.

La fine del rapporto tra il genio dei videogame e Apple, però, non è stata burrascosa. Devine ha affermato che l’esperienza con la Mela è stata la più arricchente della sua vita, sottolineando come il team di Cupertino sia assolutamente incomparabile a qualsiasi altra realtà lavorativa.

Ma quali sono stati i compiti principali del guru del settore videoludico? Per sua stessa ammissione, Graeme si è occupato di rendere “fantastici” i titoli di iOS, assicurando una completa integrazione tra hardware e software e, non ultimo, fornendo ai developer le più aggiornate API di sviluppo. Devine, inoltre, è stato il primo vero e proprio game-designer mai assunto da Apple.

Per quale motivo, allora, ha lasciato Apple? La risposta è molto semplice: vuole tornare a realizzare propri videogame. Ma, in un certo senso, non abbandonerà completamente la Mela: il suo futuro, infatti, lo vede impegnato a creare titoli innovativi proprio per i dispositivi iOS. Secondo il game-designer, la tecnologia dei device di Cupertino è davvero il futuro del gaming, in particolare iPad: l’esperienza di gioco ottenibile con il tablet targato Mela sarebbe ancora da esplorare e, a quanto pare, dobbiamo attenderci gustose sorprese nell’immediato futuro.

Ti potrebbe interessare