Steve Jobs, PCN ribadisce l’autenticità delle fotografie

Hanno suscitato una giustificata apprensione le immagini di uno Steve Jobs scheletrico diffuse in Rete nei giorni scorsi. L’ex CEO di casa Apple, subito dopo aver lasciato il suo ruolo all’interno della società nelle mani di Tim Cook, sarebbe infatti stato immortalato in condizioni di salute preoccupanti. Utilizzare il condizionale è d’obbligo, in quanto gli

Hanno suscitato una giustificata apprensione le immagini di uno Steve Jobs scheletrico diffuse in Rete nei giorni scorsi. L’ex CEO di casa Apple, subito dopo aver lasciato il suo ruolo all’interno della società nelle mani di Tim Cook, sarebbe infatti stato immortalato in condizioni di salute preoccupanti. Utilizzare il condizionale è d’obbligo, in quanto gli scatti sono al centro di un’accesa discussione tra chi li ritiene un falso e chi invece ne rivendica l’autenticità.

Tra questi ultimi anche i fotografi della Pacific Coast News, che con un’email inviata alla redazione di Gawker assicurano che le immagini non sono in alcun modo state ritoccate, come sostengono invece numerosi articoli comparsi sul Web. Breve ma significativo il loro intervento:

Non c’è stata alcuna manipolazione, ve lo possiamo assicurare, indipendentemente da ciò che si può leggere online.

Il padre della mela morsicata, dunque, ancora una volta tiene i suoi tanti fan con il fiato sospeso. Di fronte alla possibilità di assistere nuovamente a un crollo fisico di Steve Jobs, in passato già costretto a lunghe pause in seguito a cure e interventi chirurgici (come il trapianto di fegato dello scorso anno), l’attenzione di tutti è focalizzata sul suo stato di salute, facendo passare automaticamente in secondo piano rumor e indiscrezioni sui futuri prodotti di Cupertino.

Ti potrebbe interessare
Considerazioni su Spaces e Expose
Apple

Considerazioni su Spaces e Expose

Tra le meraviglie di Leopard c’è sicuramente Spaces. È una funzionalità a dir poco eccezionale! Alcuni utenti Linux ammettono che Apple è riuscita ad integrare in maniera egregia le scrivanie virtuali. Non dimentichiamo che su Linux il corrispondente di Spaces esiste da alcuni anni.Attivando Spaces e successivamente Expose potrete gestire con eleganza, velocità e comodità