Snapdragon 210 compatibile con Internet Things OS

Lo Snapdragon 210 è il primo processore di Qualcomm che supporta Internet Things OS, il sistema operativo Google indirizzato ai dispositivi IoT.

Parliamo di

Qualcomm aveva promesso di aggiungere ai suoi processori il supporto per Internet Things OS, il sistema operativo Google per i dispositivi IoT, annunciato circa due mesi fa. Il chipmaker californiano ha ora svelato che il primo SoC compatibile sarà lo Snapdragon 210.

Questo processore è stato utilizzato in smartphone di fascia bassa con connettività LTE. Proprio la presenza del modem X5 Cat. 4 (150/50 Mbps) lo rende adatto per dispositivi che necessitano di un collegamento ad Internet, come elettrodomestici, termostati, speaker e altri prodotti appartenenti alla categoria IoT (Internet of Things). Gli sviluppatori potranno così sfruttare la compatibilità con Internet Things OS per offrire app e servizi cloud. Il SoC ha una potenza sufficiente per eseguire diversi compiti, tra cui l’elaborazione del linguaggio naturale, l’analisi di audio e video, l’interrogazione di database.

Lo Snapdragon 210 permette anche l’esecuzione locale (sul dispositivo) di determinate attività, evitando l’accesso online. Qualcomm ha inoltre implementato tecnologie di sicurezza hardware-based che garantiscono la privacy degli utenti. Altro aspetto importante della piattaforma Google e del SoC è il risparmio energetico. I dispositivi IoT devono funzionare per lungo tempo, senza l’obbligo di ricariche frequenti.

Lo Snapdragon 210 integra una CPU quad core Cortex-A7, una GPU Adreno 304 e moduli LTE Cat. 4, WiFi 802.11b/g/n e Bluetooth 4.1. Il chip supporta memorie LPDDR3, fotocamere con risoluzione fino a 8 megapixel e può riprodurre video full HD in formato H.265/HEVC. I primi dispositivi Android Things con Snapdragon 210 verranno mostrati al Mobile World Congress 2017 di Barcellona.

Ti potrebbe interessare