Pepsi ha ordinato 100 Tesla Semi

Tesla Semi, il camion 100% elettrico di Elon Musk, continua a macinare successi; la Pepsi ha ordinato ben 100 di questi innovativi mezzi di trasporto.

Sembra che Elon Musk abbia nuovamente fatto centro. Il nuovo Tesla Semi, il camion 100% elettrico della società, sembra piacere moltissimo e tante importanti realtà commerciali lo hanno già ordinato. Ultima, in ordine di tempo, la Pepsi che ha prenotato addirittura ben 100 nuovi Tesla Semi. L’obiettivo di Pepsi è quello di ridurre i costi di gestione della sua flotta di camion, in particolar modo per quanto riguarda i costi di carburante.

L’azienda che produce una delle bevande più famose del mondo avrebbe anche già staccato un assegno a sei zeri. Tesla richiede ben 20 mila dollari di caparra per ogni Tesla Semi prenotato. Dunque, con una prenotazione di ben 100 unità, Pepsi potrebbe aver già corrisposto al costruttore americano ben 2 milioni di dollari. In realtà, la cifra potrebbe essere molto più bassa se l’ordine era stato effettuato subito dopo la presentazione del camion elettrico. In un primo momento la caparra richiesta da Tesla era di 5 mila dollari, alzata a 20 mila dollari poco dopo. Indipendentemente dal costo della caparra, Pepsi si appresterà, nei prossimi anni, a staccare un assegno ancora molto più pesante, quanto ritirerà i suoi 100 Tesla Semi.

Con un prezzo base per unità di 150 mila dollari, il conto per 100 di questi innovativi camion elettrici si fa molto facilmente. In totale, Pepsi potrebbe dover pagare almeno 15 milioni di dollari a Tesla.

Reuters fa sapere che Pepsi ha intenzione di utilizzare i Tesla Semi solo per le consegne a breve raggio. Per il trasporto su larga scala, Pepsi utilizzerà ancora la sua tradizionale maxi flotta di oltre 10 mila veicoli a combustibile fossile.

Come accennato all’inizio, Pepsi è solo l’ultima grande azienda che ha deciso di adottare i camion elettrici di Tesla. Tra le più importanti aziende che hanno già ordinato i Tesla Semi si menzionano Walmart, JB Hunt Transport Services, Ryder, DHL e la catena di supermercati del Canada Loblaw.

Molte altre aziende, però, si stanno dicendo interessate ai Tesla Semi e quindi, in futuro, per Tesla potrebbero arrivare molti più ordinativi.

Il Tesla Semi, si ricorda, è un camion elettrico con un’autonomia sino a 500 miglia, cioè sino a circa 800 chilometri. Dispone di alcune funzionalità di guida autonoma e può essere ricaricato sino a 400 miglia di autonomia in appena 30 minuti.

Le prime consegne del Tesla Semi inizieranno nel 2019.

Ti potrebbe interessare
Universal, anatemi contro YouTube e MySpace
Web e Social

Universal, anatemi contro YouTube e MySpace

C’è aria di tempesta sul copyright. Si prepara uno scontro tra titani in cui in campo ci saranno nomi quali Universal, YouTube e MySpace, robe dai grandi numeri e dai fatturati immensi. In ballo c’è la gestione dei diritti di quanto produce l’utenza, c’è la libertà di usare una musica come ornamento dei propri filmati