Fujifilm X-E3: l’effetto bokeh

In fotografia l’effetto bokeh è utilizzato soprattutto per i ritratti: mette in evidenza i dettagli del viso, applicando una sfocatura a tutto il resto.

Parliamo di

In fotografia l’effetto bokeh permette di ottenere una sfocatura su una parte dell’area catturata, così da mettere in evidenza il soggetto (o l’oggetto) inquadrato, donandogli enfasi e rilievo. La sua applicazione più comune è nel ritratto: il viso viene mantenuto perfettamente a fuoco, in particolare lo sguardo, risultando nitido, mentre ciò che si trova intorno è in qualche modo “ammorbidito”, così da assumere esclusivamente il ruolo di sfondo, portando gli occhi dell’osservatore a concentrarsi esclusivamente sui dettagli più importanti.

Effetto bokeh

Il concetto di sfocatura è legato a doppio filo a quello di profondità di campo e per ottenere un risultato finale convincente è necessario agire in primis su un parametro: l’apertura del diaframma. Ogni ottica dispone di un livello massimo di apertura (solitamente indicato con la sigla “f/”).

Per generare un effetto bokeh intenso e convincente è dunque necessario scegliere un obiettivo che consenta di arrivare a un’ampia apertura del diaframma (anche f/1.4 o f/1.2), così da aumentare la quantità di luce diretta al sensore, ridurre la profondità di campo e mettere a fuoco solo il viso, sfocando invece tutto ciò che si trova davanti e dietro. Attenzione: un valore basso (f/1.4) indica un’apertura maggiore, mentre uno alto (f/22) un’apertura inferiore.

Tre differenti aperture del diaframma: massima, media e minima
Tre differenti aperture del diaframma: massima, media e minima

Un altro fattore che incide sulla qualità del risultato è la distanza dal soggetto inquadrato: mettendo a fuoco un viso che si trova a pochi centimetri dalla fotocamera, a parità di lunghezza focale (ad esempio 85mm) e di apertura del diaframma, si otterrà una profondità di campo ridotta e una sfocatura più accentuata.

Un ritratto con un effetto bokeh convincente: il viso della modella è perfettamente a fuoco, mentre allo sfondo viene applicata un'intensa sfocatura
Un ritratto con un effetto bokeh convincente: il viso della modella è perfettamente a fuoco, mentre allo sfondo viene applicata un’intensa sfocatura

Se il soggetto inquadrato non è fermo, può tornare utile utilizzare la funzione tracking del sistema AF, che una volta agganciato il particolare da mantenere a fuoco (ad esempio gli occhi) ne segue costantemente il movimento.

Effetto bokeh con la Fujifilm X-E3

Un ritratto con effetto bokeh si ottiene sulla Fujifilm X-E3 impostando un’ampia apertura del diaframma: scegliere dunque un’ottica con questa caratteristica, nel nostro esempio un obiettivo che arriva a f/1.2. Dopo aver impostato la modalità A si sceglie un valore adeguato (f/1.8, f/1.4, f/1.2, a seconda dell’inquadratura e della distanza dal soggetto), si mette a fuoco il viso con un tocco sul display touchscreen e il gioco è fatto. It’s easy!

Ti potrebbe interessare
Il “geotagging” sul prossimo iPhone?
Apple

Il “geotagging” sul prossimo iPhone?

Secondo un’indiscrezione apparsa su AppleInsider prossimamente iPhone potrebbe supportare il geotagging per rilevare la posizione geografica del telefono o per associare la posizione delle foto al luogo nel quale sono state scattate.In realtà di questa possibilità già tempo fa se ne era parlato, e il nostro Luca l’aveva ottimamente riportata.

IBM: Chip tridimensionali e tecnologia “trough-silicon-via”
chip ibm via

IBM: Chip tridimensionali e tecnologia “trough-silicon-via”

Con l’introduzione della tecnologia “trough-silicon-via“, IBM, grazie a un’innovativa tecnica di chip stacking, sarà in grado di produrre nel 2008 chip tridimensionali più veloci, economici e miniaturizzati di quelli attuali.La configurazione di stacking tridimensionale permetterà di impilare più dispositivi uno sull’altro, anzichè posizionarli uno accanto all’altro su un wafer di silicio.Questo permetterà non solo di

W3C10: il W3C compie 10 anni
Web e Social

W3C10: il W3C compie 10 anni

Tanti auguri W3C: 10 anni or sono la proposta di Tim Berners-Lee al CERN veniva concretizzata in quello che ancora oggi è l’ente che gestisce ed organizza la crescita del web. Chiuderà l’evento (W3C10) il padre del W3C: Tim Berners-Lee.