QR code per la pagina originale

Vodafone e Nokia porteranno il 4G sulla Luna

Vodafone e Nokia collaboreranno con PTScientists per realizzare una rete 4G che permetterà di gestire le comunicazioni nelle missioni lunari.

,

Vodafone e Nokia porteranno il 4G sulla Luna. La società spaziale tedesca PTScientists ha pianificato una missione sulla Luna da molti anni. Questa società ha collaborato con Audi per sviluppare due speciali rover che esploreranno il satellite terrestre. Adesso, il team ha stretto una partnership con Vodafone e Nokia per creare una rete di comunicazione basata sul 4G LTE per portare i video ad alta definizione della Luna sulla Terra.

La Vodafone base station comunicherà direttamente con i rover mentre raccolgono i dati durante le loro esplorazioni. La rete 4G utilizzerà la banda di frequenza a 1800 MHz per inviare video in alta definizione al modulo lunare (ALINA), che si collegherà quindi alla sede della società PTScientists a Berlino. Il 4G è più efficiente dal punto di vista energetico rispetto alle trasmissioni radio analogiche e consentirà il trasferimento di una maggiore quantità di dati tra i rover e il modulo ALINA. Marcus Weldon di Nokia ha salutato con grande orgoglio questa nuova collaborazione che permetterà di sviluppare nuove tecnologie di comunicazione per le missioni spaziali.

Hannes Ametsreiter, CEO di Vodafone Germania, ha affermato che questo progetto comporta un approccio radicalmente innovativo allo sviluppo dell’infrastruttura di rete mobile.

La missione è attualmente in programma per il prossimo anno e verrà lanciata da Cape Canaveral su di un razzo di SpaceX. La missione prevede il raggiungimento del sito dove è presente il rover dell’Apollo 17 che potrà, così, essere visto in alta definizione.

Questa partnership decisamente interessante è uno dei primi tentativi di rendere lo spazio maggiormente connesso. All’inizio di questo mese, SpaceX ha lanciato con successo due satelliti per testare la sua rete che diffonderà Internet in tutto il pianeta.

Fonte: Engadget • Immagine: HelenField via Shutterstock