QR code per la pagina originale

Facebook ha condiviso i dati con Apple e Samsung

Nonostante le dichiarazioni di Mark Zuckerberg, Facebook consente ancora l'accesso ai dati da parte di alcuni produttori senza il permesso degli utenti.

,

Secondo il New York Times, Facebook ha permesso a diversi produttori di smartphone e altri dispositivi di accedere alle informazioni degli utenti senza un loro consenso esplicito. Il programma è stato disattivato nel mese di aprile, ma un reporter del quotidiano statunitense ha verificato che la condivisione dei dati è ancora attiva per alcuni partner, tra cui BlackBerry.

Durante l’audizione presso il Congresso degli Stati Uniti, Mark Zuckerberg aveva dichiarato che gli utenti hanno il pieno controllo dei dati, in quanto possono decidere chi può vederli e con chi condividerli. Il New York Times ha invece scoperto che la funzionalità BlackBerry Hub del BlackBerry Z10 raccoglie oltre 50 informazioni sugli amici e gli amici degli amici di ogni utente, come data di nascita, religione, lavoro, istruzione, relazioni e data di compleanno. Facebook aveva affermato che l’unico dato richiesto era il nome degli amici.

L’azienda di Menlo Park è già sotto i riflettori per lo scandalo Cambridge Analytica. In questo caso, l’accesso ai dati degli utenti è avvenuto attraverso le API pubbliche fornite agli sviluppatori di terze parti. Facebook ha successivamente bloccato tale funzionalità, esentando però i produttori di smartphone, tablet e altri dispositivi hardware. Ciò è avvenuto mediante API private che permettevano di offrire un’esperienza simile a quella delle app direttamente nel sistema operativo. Facebook ha confermato che, circa 10 anni fa, ha sottoscritto accordi con circa 60 produttori, tra cui Amazon, Apple, BlackBerry, HTC, Microsoft e Samsung, in quanto all’epoca non esistevano né app e app store.

I partner hanno firmato un contratto che regolava rigidamente l’accesso e l’uso dei dati. In ogni caso, la condivisione era consentita solo con un esplicito consenso. Oggi Android e iOS sono molto popolari, quindi le API private non sono più attive e Facebook ha interrotto 22 partnership. Come ha verificato il New York Times, quella con BlackBerry è ancora in vigore. Il governo statunitense potrebbe quindi aprire un’altra indagine.

Aggiornamento
Ime Archibong, VP Product Partnerships di Facebook, ha chiarito la questione sul blog ufficiale:

Dieci anni fa abbiamo consentito ad aziende come Blackberry e Microsoft di creare le proprie versioni dell’esperienza Facebook. Al momento non c’erano app store e questo era l’unico modo per far funzionare il nostro prodotto sui loro dispositivi. Abbiamo controllato strettamente queste API sin dall’inizio. Questi partner hanno firmato accordi che impedivano l’utilizzo delle informazioni delle persone per scopi diversi da quello di ricreare esperienze simili a Facebook. E abbiamo approvato le esperienze Facebook che hanno costruito. Questo è molto diverso dal modo in cui funzionano le nostre API pubbliche della piattaforma. Gli sviluppatori di app che utilizzano le nostre API della piattaforma possono utilizzare le informazioni che le persone hanno condiviso con loro per migliorare le loro app o creare esperienze completamente nuove non disponibili su Facebook. Poche persone ora si affidano alle nostre API integrate nel dispositivo per accedere a Facebook, motivo per cui abbiamo annunciato il mese scorso che le avremmo disattivate e che abbiamo già chiuso 22 di queste partnership. Non siamo a conoscenza di informazioni di altre persone utilizzate in modo improprio da queste società.

Fonte: The New York Times • Via: Facebook • Immagine: Facebook