QR code per la pagina originale

Tesla costruirà in casa il chip per l’Autopilot

Tesla realizzerà in casa il chip che gestirà i sistemi di guida assistita; arriverà il prossimo anno e garantirà una capacità di elaborazione elevatissima.

,

Tesla ha deciso di realizzare in casa l’hardware che gestirà la sua piattaforma di guida assistita. Quello che è stato definito come “Hardware 3” sarà montato in futuro sulle Tesla Model S, Tesla Model X e Tesla Model 3 e permetterà di fare un importante passo in avanti in termini di potenza di calcolo. L’annuncio è stato dato direttamente da Elon Musk durante la presentazione dei dati finanziari di Tesla dell’ultimo trimestre.

Per il fondatore di Tesla, questa nuova piattaforma hardware rappresenta un “asso nella manica”. Musk ha anche evidenziato come su questo tema la sua società abbia preferito rimanere “nascosta” negli ultimi anni. Sino ad ora, Tesla ha fatto affidamento sulla piattaforma hardware realizzata da NVIDIA ma per fare quel passo in avanti verso la vera guida autonoma, la società di Elon Musk aveva bisogno di un sistema molto più potente da poter gestire direttamente. Progettare in casa la piattaforma hardware che gestirà i sistemi di assistenza alla guida rappresenta un importante vantaggio rispetto alla concorrenza. Tesla, infatti, sa con precisione quali siano le esatte necessità tecniche per migliorare le capacità di guida assistita e quindi può lavorare direttamente in quella direzione costruendo una piattaforma hardware ad hoc.

Tesla, dunque, sarà in grado di migliorare drasticamente l’integrazione hardware/software. Inoltre, a seconda di come evolverà lo sviluppo delle piattaforme di guida assistita, Tesla potrà muoversi più rapidamente nel migliorare e potenziare il sistema hardware che sovrintende alla loro gestione.

Elon Musk ha voluto evidenziare le profonde differenze tra il nuovo chip realizzato in casa con quello di NVIDIA utilizzato oggi. L’attuale piattaforma è in grado di elaborare sino a 200 fotogrammi al secondo. La futura nuova piattaforma hardware di Tesla, invece, sarà in grado di gestire sino a 2000 fotogrammi al secondo. Questo notevole risultato è stato possibile progettando il chip da zero e pensandolo come una sorta di acceleratore per l’intelligenza artificiale delle auto.

La nuova piattaforma dovrebbe debuttare il prossimo anno. Elon Musk, però, è sempre molto attento a non deludere i suoi clienti. Proprio per questo, tutti coloro che posseggono, oggi, un’auto dotata della piattaforma hardware 2.0 o 2.5 potranno effettuare l’upgrade tecnico gratuitamente.

Fonte: TechCrunch • Immagine: Dom J via Shutterstock