BMW, un assistente vocale per le sue auto

BMW ha annunciato di stare sviluppando un assistente vocale per le sue autovetture che debutterà a partire dal prossimo marzo 2019.

Parliamo di

Anche le automobili del gruppo BMW saranno dotate di un loro assistente vocale (BMW Intelligent Personal Assistant). La casa automobilistica tedesca, infatti, ha annunciato che a partire dal prossimo marzo 2019 le sue autovetture potranno essere dotate di un sofisticato assistente vocale grazie al quale le persone potranno gestire alcuni dei sistemi di bordo semplicemente attraverso dei comandi vocali. Attraverso il comando “Hey Bmw”, le persone potranno gestire la radio, regolare l’illuminazione di bordo e molto altro ancora. La novità è che l’assistente sarà disponibile anche al di fuori delle auto, per esempio attraverso gli smart speaker e gli smartphone.

Inoltre, l’assistente vocale che BMW sta sviluppando sarà, in futuro, anche compatibile con Alexa ed altri assistenti vocali. La piattaforma che il costruttore di automobili tedesco sta sviluppando è basata sul cloud. Questo significa che sfruttando l’intelligenza artificiale, l’assistente vocale sarà costantemente migliorato ed offrirà un’esperienza d’uso sempre migliore agli utilizzatori. Gli aggiornamenti potranno essere effettuati velocemente sullo smartphone e in auto tramite la funzione Remote Software Update. Inoltre, l’assistente che BMW sta sviluppando è anche in grado di imparare le abitudini di chi guida offrendo un supporto preciso in vari contesti.

L’assistente aiuta il guidatore, impara le sue preferenze e memorizza le impostazioni di guida preferite, come il riscaldamento del sedile o le destinazioni più frequenti (“Portami a casa”). Un altro aspetto molto interessante della piattaforma di BMW è che gli utenti potranno dare un nome personale all’assistente della loro auto. L’assistente sarà anche in grado di sostenere semplici conversazioni informali.

Per esempio, provando a recitare la frase “Hey BMW, ho freddo”, l’auto capirà che è necessario aumentare la temperatura del riscaldamento per migliorare il comfort di bordo. L’assistente personale godrà costantemente di aggiornamenti tecnici e via via sarà sempre più in grado di memorizzare le preferenze.

L’assistente vocale di BMW sarà disponibile in una versione base con controllo vocale in 23 lingue e in altrettanti mercati da marzo 2019. Negli Stati Uniti, in Germania, Regno Unito, Italia, Francia, Spagna, Svizzera, Austria, Brasile, Giappone e Cina (da maggio 2019), offrirà, inoltre, un controllo vocale più naturale insieme ad altre funzioni intelligenti. L’assistente sarà integrato nei modelli equipaggiati con il nuovo sistema operativo di bordo BMW Operating System 7.0 e sarà incluso nell’optional Live Cockpit Professional (6U3). Le funzioni possono essere ampliate scegliendo il Connected Package Professional. L’assistente di BMW sarà disponibile per l’ordine per la nuova BMW Serie 3 da novembre 2018 e sarà incluso per i primi tre anni. A partire da marzo 2019 i nuovi modelli di BMW X5, Z4 e Serie 8 dotati del sistema operativo BMW 7.0, grazie al Remote Software Update potranno aggiornare il software di bordo e installare la versione completa dell’assistente, senza bisogno di alcun intervento in assistenza.

BMW, dunque, si unisce alla Mercedes nel tentativo di “liberarsi” dalla tendenza di utilizzare gli assistenti vocali realizzati da terze parti come da Amazon, Google e Microsoft in favore di una soluzione proprietaria.

Ti potrebbe interessare
Samsung Gloria: un tablet 10″ con Windows 7 e tastiera a slide
Google

Samsung Gloria: un tablet 10″ con Windows 7 e tastiera a slide

Dopo aver lanciato il Galaxy Tab, risultato uno dei tablet meglio riusciti degli ultimi mesi grazie alle ottime prestazioni in termini di vendite, Samsung sembra pronta a creare una sorta di ponte tra tablet e netbook. Per riuscirci, il gruppo sudcoreano ha in mente di realizzare un dispositivo dotato delle caratteristiche sia di uno che

Al via le selezioni degli informatici olimpionici italiani
Web e Social

Al via le selezioni degli informatici olimpionici italiani

Come tutti gli anni, anche per il 2009 è stato programmato il calendario delle selezioni per la squadra rappresentativa nazionale alle Olimpiadi Internazionali di Informatica (IOI).La manifestazione, ormai storica, è stata ideata dall’Unesco nel 1989. Nel nostro Paese, gli enti organizzatori sono: Aica e Miur.