QR code per la pagina originale

Google Maps semplifica gli appuntamenti di gruppo

Google Maps permette di creare elenchi di luoghi da condividere con gli amici, semplificando quindi la pianificazione degli appuntamenti di gruppo.

,

L’azienda di Mountain View aveva annunciato numerose novità per Google Maps durante la conferenza di maggio riservata agli sviluppatori. Alcune funzionalità mostrate durante il Google I/O sono state attivate circa due mesi fa e ora è il turno delle Shortlist (Elenchi in italiano) che facilitano la pianificazione degli eventi di gruppo.

La funzionalità, nota anche come Group Planning, consentirà di risolvere molti “problemi organizzativi”. Quante volte è capitato di dover scegliere un ristorante e inviare una lunga serie di link ai propri amici in attesa della loro risposta? Grazie a Google Maps la scelta viene semplificata e velocizzata attraverso la creazione degli elenchi dei luoghi. È sufficiente un tocco prolungato sulla scheda di un ristorante per aggiungerlo alla shortlist indicata mediante una piccola bolla flottante sul lato dello schermo, come si può vedere in questa GIF animata.

Aggiunta dei luoghi alla shortlist.

Dopo aver terminato l’aggiunta dei luoghi basta un tap sulla bolla per aprire l’elenco creato. Nella parte superiore della schermata è presente il pulsante Share che permette di condividere la lista con il gruppo di amici attraverso qualsiasi servizio di messaggistica.

Condivisione della shortlist creata.

Ogni membro del gruppo può aggiungere o eliminare i luoghi e votarli con un pollice su o un pollice giù. Se il gruppo segue i principi democratici, l’incontro avverrà nel luogo più votato.

Votazione dei luoghi nella shortlist.

Il Group Planning sarà disponibile su Android e iOS nel corso delle prossime settimane. All’appello manca ora la funzionalità più avveniristica, ovvero il Visual Positioning System, con il quale gli utenti vedranno le indicazioni stradali sovrapposte alle immagini live catturate dalla fotocamera durante la navigazione pedonale, come avviene con le app di realtà aumentata.