QR code per la pagina originale

Tesla, Elon Musk accusato di frode

La SEC americana ha accusato Elon Musk di frode per il suo progetto di delisting di Tesla; il titolo è crollato in borsa.

,

La Securities and Exchange Commission americana, nota come SEC, cioè l’ente federale statunitense preposto alla vigilanza della borsa valori, ha accusato Elon Musk di frode. A seguito della notizia, il titolo di Tesla è crollato in borsa. L’accusa riguarda il famoso tweet di questa estate quando Musk annunciò il progetto di privatizzare la sua società, ritirandola dalla borsa. Un progetto che prevedeva il pagamento di 420 dollari per azione. Un’operazione che era stata definita titanica ma che secondo Musk era assolutamente fattibile in quanto i fondi per portarla a termine erano già stati trovati.

Musk, in seguito, affermò che il fondo sovrano dell’Arabia Saudita era in trattative con Tesla per finanziare l’operazione di delisting di Tesla ma, come è ben noto alle cronache, questo ambizioso progetto abortì poco dopo. Ma tanto bastò per creare scompiglio sui mercati con il titolo di Tesla che balzò in alto creando immediatamente valore per gli azionisti. Tuttavia, a causa del caos delle settimane successive, alla fine gli azionisti ne uscirono danneggiati. Arriva, dunque, adesso, la denuncia della SEC americana che ha accusato il fondatore di Tesla di “frode e dichiarazioni false e fuorvianti agli investitori“. Secondo l’accusa, Musk non avrebbe informato le autorità sui termini del suo progetto ed in particolar modo sul prezzo delle azioni.

Più nello specifico, nella denuncia presentata dalla SEC si legge che Elon Musk avrebbe prodotto dichiarazioni false e fuorvianti utilizzando il suo smartphone con i mercati azionari ancora aperti. Inoltre, il CEO di Tesla non avrebbe discusso con nessuno del contenuto della sua affermazione prima di condividerla pubblicamente con tutti su Twitter dove può contare su 22 milioni di follower. Inoltre, Musk non avrebbe nemmeno informato il Nasdaq del suo annuncio, come, invece, prevederebbero le regole del Nasdaq.

Trattasi, dunque, di accuse pesantissime che potrebbero avere conseguenze dirompenti su Tesla. Per Musk, infatti, il problema maggiore non è tanto la pesante multa che potrebbe arrivare dalla SEC ma quanto la possibilità che la Consob americana decida di rimuoverlo forzatamente dalla carica di CEO della sua azienda. Elon Musk è Tesla e un suo allontanamento potrebbe avere conseguenze molto pesanti sul futuro dell’azienda.

A seguito della decisione della SEC, Musk è intervenuto evidenziando la delusione per l’iniziativa della Securities and Exchange Commission americana. Musk ha anche sottolineato che l’integrità è il valore più importante della sua vita e che i fatti lo dimostrranno.

Quanto accadrà adesso tra Elon Musk è la SEC è difficile da capire. Sembra che ci fosse stato un tentativo di accordo tra le parti poi abortito. I rischi per Musk e le sue aziende sono molto alti e questa accusa arriva in un momento critico per l’azienda americana. Oltre ai ben noti problemi di produzione della Model 3, in Tesla è in corso un’emorragia di dirigenti per le intemperanze continue del suo fondatore.

Fonte: The Verge • Via: Il Sole 24 Ore • Immagine: Helga Esteb via Shutterstock