QR code per la pagina originale

Apple: streaming video gratis per gli iDevice?

Il servizio di streaming video di Apple potrebbe essere offerto gratuitamente ai possessori di un iDevice, come iPhone, iPad e Apple TV.

,

Si discute ormai da tempo dell’imminente approdo di Apple nell’universo dello streaming video: la società ha già avviato la produzione di diverse serie e, come già noto, sono state avviate delle partnership importanti, come quella con Oprah Winfrey. Da diverse settimane gli analisti cercano di ipotizzare quale possa essere il prezzo del servizio, ma un’indiscrezione proveniente da CNBC pare essere pronta a sparigliare le carte in tavola: il gruppo di Cupertino potrebbe offrire l’accesso gratuito ai possessori di un iDevice.

Secondo alcune fonti vicine a Cupertino, Apple starebbe pensando di offrire la propria piattaforma di streaming senza costi ai possessori di un iPhone, un iPad oppure di una Apple TV. La decisione sarebbe coerente con quanto fatto in passato dal gruppo, così come sottolineato da MacRumors: show come “Carpool Karaoke”, infatti, sono stati inizialmente proposti per gli abbonati ad Apple Music, per poi essere resi gratuiti negli ultimi mesi.

Dalle indiscrezioni raccolte da CNBC, Apple starebbe pensando di avviare un pacchetto digitale onnicomprensivo: oltre alle produzioni autoctone, la società di Cupertino vorrebbe raccogliere in una singola app alcune emittenti a pagamento, come HBO, Starz e molti altri. Di conseguenza, l’utente pagherebbe solo gli abbonamenti a questi canali – Apple ne tratterrà probabilmente una percentuale – fruendo invece degli show targati mela morsicata senza alcun costo aggiuntivo.

Sono già oltre una dozzina le serie TV che Apple sta preparando, tutte con l’aiuto di nomi di culto dell’intrattenimento a stelle e strisce. Stando ai rumor apparsi negli ultimi mesi, la società potrebbe aver deciso di investire già 1 miliardo di dollari, sebbene al momento non esista ancora una precisa data di lancio per il servizio. Se ne saprà sicuramente di più a inizio 2019, quando è probabile che il gruppo di Apple Park decida di muovere i suoi primi passi in questo settore.

Fonte: MacRumors • Immagine: Fer Gregory via Shutterstock