QR code per la pagina originale

Google, arrivano le Playmoji

Le Playmoji, risposta alle Animoji di Apple e alle Emoji di Samsung, vengono svelate ufficialmente da Google.

,

In contemporanea alla presentazione dei nuovi smartphone Pixel 3, è stata annunciata da Google la nuova versione dell’app AR Stickers, chiamata Playground. Alla stregua delle Animoji di Apple e delle Emoji di Samsung, anche le Playmoji di BigG sono disegni animati tridimensionali distribuiti in diversi pacchetti.

A differenza delle altre varianti di emoji, tuttavia, non consentono di modificare o distorcere il volto dell’utilizzatore; piuttosto, sfruttano la realtà aumentata per aggiungere alle foto e ai video disegni in 3D in sottofondo. Quindi è possibile, per esempio, fotografare un bel prato fiorito e allocarci un festoso cagnolino tridimensionale. I nuovi pacchetti aggiunti includono una serie di cani Playmoji, alcune frecce, personaggi in stile claymation e simpatici adesivi a tema meteorologico.

Google ha svelato ufficialmente Playground in un post sul blog che descrive alcune delle nuove funzionalità, inclusi i suggerimenti in tempo reale delle Playmoji in base al luogo in cui ci si trova e la possibilità di utilizzare la fotocamera frontale. Le Playmoji, infatti, possono anche essere utilizzate in modalità selfie, dove i disegni 3D interagiscono con il soggetto.

I pacchetti possono essere acquistati sul Play Store. In occasione del decimo anniversario del Marvel Cinematic Universe, Google ha poi aggiunto alcuni adesivi Marvel alla sua collezione di sticker: è dunque possibile scattare foto arricchendole con Captain America, Iron Man e compagnia.

Gli adesivi basati sulla realtà aumentata sono stati annunciati lo scorso anno, ma le animazioni erano inizialmente troppo simili ai filtri e alle lenti che hanno reso celebre Snapchat. Adesso, BigG può però sfruttare i progressi fatti nel settore IA negli ultimi mesi, e c’è da dire che sono piuttosto evidenti. Insomma, Google ci regala un sacco di soluzioni per personalizzare i nostri scatti!

Fonte: Android Police