QR code per la pagina originale

Google Pixel 3, nuove funzionalità delle fotocamere

Ecco tutte le funzionalità sviluppate da Google per le fotocamere dei Pixel 3 e 3 XL, i nuovi smartphone con Android 9 Pie annunciati ieri a New York.

,

I nuovi Pixel 3/3 XL, annunciati ieri da Google, hanno una singola fotocamera posteriore e due fotocamere frontali. La risoluzione è rimasta invariata rispetto ai precedenti Pixel 2/2 XL, ma sono stati migliorati i sensori e gli obiettivi. L’azienda di Mountain View ha inoltre diverse funzionalità che sfruttano l’intelligenza artificiale e il co-processore Visual Core.

Capita spesso di scattare foto nel momento sbagliato, ad esempio quando il soggetto ha gli occhi chiusi o il viso coperto dai capelli. La soluzione al problema si chiama Top Shot. Vengono scattate varie foto in sequenza e lo smartphone suggerisce quella migliore che l’utente potrà salvare nell’app Google Foto (lo spazio di storage è illimitato). La funzionalità equivalente per i selfie è denominata Photobooth. Grazie all’obiettivo grandangolare della fotocamera frontale è possibile ottenere selfie di gruppo con un maggiore campo visivo.

Il Super Res Zoom permette invece di ridurre il rumore dovuto all’ingrandimento, sfruttando la tecnica della fotografia computazionale usata in campo astronomico. Google ha migliorato inoltre la qualità degli scatti in condizioni di scarsa illuminazione. Grazie alla funzionalità Night Sight (disponibile con un futuro aggiornamento) è possibile ottenere foto nitide senza flash. Non manca il Portrait Mode (modalità ritratto) che consente di modificare il livello di sfocatura dopo lo scatto. Con Google Foto è possibile anche cambiare lo sfondo in bianco e nero.

Una delle novità più interessanti è Motion Auto Focus. Le fotocamere dei Pixel 3 mantengono sempre il soggetto a fuoco durante la registrazione video, come si può vedere nella breve clip registrata dal regista Terrence Malick.

Live Albums è la nuova funzionalità di Google Foto che consente di creare album in maniera completamente automatica. Non è necessario selezionare tutte le foto, ma è sufficiente sceglierne una e l’app aggiungerà le altre con lo stesso soggetto. Google Foto integra ora Google Lens, quindi è più semplice trovare informazioni. Google ha infine sviluppato Playground, versione aggiornata dell’app AR Stickers. L’utente può aggiungere adesivi e personaggi, tra cui quelli dell’universo Marvel, e creare Playmoji, sfruttando la realtà aumentata.

L’app Playground sul Google Pixel 3.

Immagine: Google