Tesla lavora ad una dog mode per i cani in auto

Tesla lavorerà ad una modalità che permetterà ai suoi clienti di poter lasciare i loro amici a 4 zampe al sicuro ed al fresco in auto nelle brevi soste.

Tesla ha deciso di lavorare ad una “dog mode” per fare in modo che i cani e tutti gli amici a 4 zampe lasciati dentro l’auto possano rimanere al sicuro ed alla giusta temperatura. Il problema degli animali domestici lasciati dentro le auto è molto serio, soprattutto quanto arriva la bella stagione e le auto si possono trasformare in veri e propri forni ad alta temperatura se lasciate ferme per molto tempo sotto il sole.

Tesla, dunque, ha deciso di risolvere questo problema per salvaguardare la salute degli animali lasciati dentro l’auto. L’idea di una “dog mode” è venuta ad un proprietario di una Model 3 che ha suggerito via Twitter ad Elon Musk di poter introdurre in futuro una modalità dell’auto che permettesse di mantenere sempre al fresco i cani. Idea che è piaciuta e lo stesso Elon Musk ha confermato che ci lavoreranno. In realtà, Tesla ha già lavorato su soluzioni similari. Nel 2016, per esempio, ha introdotto una funzione che permettette di evitare che l’abitacolo si surriscaldi durante le lunghe soste sotto il sole.

[embed_twitter]https://twitter.com/elonmusk/status/1053477064844632064[/embed_twitter]

La “dog mode”, su suggerimento del proprietario della Model 3, non dovrebbe garantire solo il mantenimento della temperatura dell’abitacolo a valori corretti attraverso l’uso continuativo dell’aria condizionata anche ad auto ferma. Attraverso il maxi display dell’auto, infatti, eventuali passanti dovrebbero poter leggere un messaggio che informa che il cane in auto sta bene e che i proprietari torneranno quanto prima.

In questo modo, tutti coloro che dovessero vedere il cane solo in auto non si dovrebbero preoccupare del suo stato di salute. Non è chiaro quando questa funzionalità possa arrivare. Tesla prova sempre ad accontentare i suoi clienti introducendo le funzionalità che più richiedono. Tuttavia, è anche vero che la società è subissata di richieste e che quindi è da capire quale siano le sue reali priorità.

Ti potrebbe interessare
Nobel: la Cina lo censura sul Web
Web e Social

Nobel: la Cina lo censura sul Web

A Pechino forse non prendono troppo seriamente Wikileaks e il cablegate, ma quando si tratta di problemi interni sono capaci di censure impressionanti. È il caso del premio Nobel per la Pace al dissidente Liu Xiaobo.

Microsoft paghi nonostante il ricorso in appello
Business

Microsoft paghi nonostante il ricorso in appello

Un giudice della Corte Federale di San Diego ha imposto a Microsoft di saldare i conti con Alcatel-Lucent pagando gli 1.53 miliardi dovuti. Microsoft è pronta a ricorrere in appello e porta sul tavolo della vertenza una nuova sentenza della Corte Suprema