QR code per la pagina originale

Play Store, Google pensa all’abbonamento

Per dare uno slancio alla vendita della applicazioni su Google Play Store, bigG avrebbe deciso di inventarsi un abbonamento.

,

Le applicazioni disponibili su Google Play Store sono un’enormità, e anche se ce ne sono moltissime gratuite esiste una folta schiera di app che per poter essere utilizzate vanno pagate. Una soluzione, quest’ultima, che pochissimi utenti Android abbracciano con convinzione, e, infatti, per dare uno slancio alle app a pagamento Google avrebbe deciso di inventarsi un abbonamento.

La comunità XDA e lo sviluppatore Kieron Quinn hanno scoperto i riferimenti di un servizio di abbonamento per Play Store all’interno di un sondaggio Google Opinion Rewards. Secondo il sondaggio, questa formula – che potrebbe essere chiamata Play Pass – potrebbe offrire applicazioni per centinaia di dollari ad un tasso mensile non meglio specificato.

Al momento non è ancora chiaro se questo abbonamento verrà introdotto o meno da Google. Alcuni studi hanno però dimostrato che Google Play non genera più entrate significative nei download rispetto all’App Store di Apple, che, invece, continua a generare introiti in termini di download.

La soluzione pensata dal colosso di Mountain View potrebbe convincere alcuni utenti Android a sborsare una cifra mensile – magari relativamente economica – invece di acquistare le applicazioni e videogiochi singolarmente.

Al momento però non è ancora chiaro in che modo Google sceglierà le applicazioni e giochi a pagamento che faranno parte dell’abbonamento e quali, invece, saranno esclusi.

Non è la prima soluzione che il colosso di Mountain View sta elaborando per stimolare l’acquisto delle app su Google Play Store: un paio di mesi fa si era anche parlato di un sorta di programma fedeltà che Google vorrebbe lanciare in modo da fidelizzare ulteriormente l’utenza e basato su un sistema di raccolta punti attraverso l’acquisto di app, libri, film, serie tv e musica. Al momento però non ci sono novità a riguardo.

Fonte: Engadget