QR code per la pagina originale

Tesla Model 3 supporterà lo standard CCS Combo 2

La Tesla Model 3, in Europa, supporterà lo standard per la ricarica in corrente continua CCS Combo 2; in arrivo un adattatore per la Model S e la Model X.

,

Buone notizie per tutti gli Europei che hanno prenotato la Tesla Model 3. La società americana, infatti, ha ufficializzato che la sua piccola auto elettrica, in Europa, supporterà lo standard per la ricarica in corrente continua CCS Combo 2. Trattasi della notizia che molti fan del brand americano attendevano. L’Europa da tempo ha scelto lo standard CCS come quello ufficiale per le ricariche rapide in corrente continua. L’auspicio era, quindi, che Tesla si adattasse e offrisse il supporto a questo standard sulle sue Model 3.

Tesla ha fatto anche sapere che presto arriverà pure un adattatore CCS Combo 2 per le Tesla Model S e Tesla Model X che quindi potranno anche loro caricare dalle stazioni di ricarica che utilizzano questa standard. Oggi, infatti, le Model S e le Model X possono approfittare solo dei punti di ricarica in corrente continua con standard CHAdeMO attraverso un apposito adattatore. La Model 3, come anche le altre auto della casa americana, in Europa, potrà ovviamente ricaricare anche attraverso la rete dei SuperCharger e Destination Charger di Tesla e tramite le normali colonnine di Tipo 2 e le prese domestiche.

Con l’aumentare dei network in Europa che utilizzano lo standard CCS Combo 2, si pensi a Ionity o a Enel X, quanto comunicato da Tesla assume un’importanza ulteriore.

Tuttavia, prima del lancio Europeo della sua auto elettrica, Tesla dovrà adeguare i suoi SuperCharger che saranno dotati di un doppio cavo per consentire alle Model 3 di poter ricaricare attraverso la sua presa CCS Combo 2.

Nel frattempo, la società americana ha iniziato ad invitare gli italiani in possesso di una prenotazione della Model 3 a visitare il Tesla Store di Milano in Piazza Gae Aulenti dove l’auto sarà esposta sino al 29 novembre.

Al momento, comunque, nessuna novità sui prezzi Europei ed italiani che arriveranno, probabilmente, entro la fine dell’anno.

Fonte: Electrek • Immagine: Electrek