QR code per la pagina originale

Battlefield 5, scarse vendite delle copie fisiche

Le vendite delle copie retail di Battlefield 5 nei primi tre giorni dopo il lancio sono inferiori alla metà di quelle di Battlefield 1.

,

Gli appassionati di FPS e di giochi di guerra più in generale avranno probabilmente cerchiato con un bollino rosso sul calendario la data del 20 novembre scorso. Esattamente una settimana fa, infatti, usciva Battlefield 5, nuovo capitolo della celebre serie di EA. Sebbene l’attesa fosse molta e le aspettative alte, il lancio del gioco non è stato dei migliori: nei primi tre giorni di vendita, sono state spedite meno della metà delle copie fisiche di Battlefield 1 nel medesimo periodo di riferimento.

Non è certo una bella notizia per Electronic Arts, ma un paio di accorgimenti potrebbero rendere meno devastante il calo di vendite rispetto al predecessore. Battlefield 5 era infatti disponibile in digitale dal 15 novembre acquistando la più costosa Deluxe Edition, e l’accesso in anteprima si poteva ottenere anche essendo sottoscritti al servizio Origin Access Premier, lanciato quest’anno. Inoltre, si può constatare un aumento generale delle vendite dei giochi digitali rispetto a quelli in versione retail.

Pertanto è difficile capire esattamente di quanto Battlefield 5 sia un insuccesso rispetto a Battlefield 1, sebbene si percepisca che la situazione non sia delle migliori. Giusto per un raffronto diretto, il gioco ha venduto meno della metà delle copie fisiche di Call of Duty: Black Ops 4, capitolo di quest’anno della serie Activision.

Le vendite delle copie fisiche di Battlefield 5 sono inferiori persino a quelle di Battlefield Hardline, sebbene si presume che le vendite digitali abbiano colmato quel vuoto. Il quinto capitolo della serie si è fatto strada attraverso una versione beta instabile, e ha lottato duramente per differenziarsi da Battlefield 1. La modalità battle royale, disponibile in Black Ops 4 sin dal lancio, non arriverà nel gioco di EA prima di marzo 2019.