QR code per la pagina originale

Google Traduttore per l’uguaglianza di genere

Nel tentativo di ridurre al minimo le distorsioni di genere, Google Traduttore mostrerà sia la traduzione al maschile che al femminile quando possibile.

,

Anche Google Traduttore fa la sua parte per contrastare la discriminazione di genere linguistica. Nel tentativo di ridurre al minimo le distorsioni di genere nelle traduzioni, Google Traduttore mostrerà infatti ora traduzioni specifiche per ogni genere (in alcune lingue).

In precedenza Google Translate mostrava solo una traduzione per le parole che potevano avere una forma femminile o maschile. Ora invece, ad esempio, traduzioni di frasi che potrebbero essere convertite sia al maschile che al femminile in modo indifferente vengono mostrate in due versioni, lasciando scegliere all’utente a quale delle due possibilità affidarsi per la propria traduzione.

Al momento questa nuova funzione è disponibile solamente per alcune lingue e solo verso la lingua inglese, ma il colosso di Mountain View ha già annunciato che verrà estesa ad altre lingue in futuro. La funzione è disponibile al momento su browser come Chrome e Firefox, e in futuro sarà presenta anche su iOS e Android.

Google sta lavorando per promuovere l’equità di genere nell’IA e nel machine learning, come dimostrato di recente dalla sua iniziativa di rimuovere i pronomi di genere dalla funzione Smart Composedi Gmail. La società ha inoltre fatto sapere che sta pensando a come affrontare il genere non binario nelle traduzioni, nonché il pregiudizio di genere in altri prodotti di bigG come il completamento automatico della ricerca.

Attualmente le traduzioni specifiche di genere sono disponibili solo per le singole parole dall’inglese alle lingue romanze come francese, italiano, portoghese e spagnolo. Dal turco all’inglese è invece l’unica coppia linguistica che fornisce entrambe le traduzioni per le frasi.

Tanti gli aggiornamenti per Google Traduttore quest’anno: dall’introduzione dell’accento locale, alle nuove lingue per la traduzione simultanea tramite fotocamera e il nuovo look con Material Theme.

Fonte: The Verge • Immagine: wikimedia