QR code per la pagina originale

Google Fit si aggiorna: due nuovi widget in home

Google Fit si aggiorna (re)introducendo i widget per la homescreen su smartphone Android.

,

Alla stregua di Apple, anche Google sta lentamente costruendo la sua suite mobile di funzionalità per la salute su smartphone e smarwatch. Da questo punto di vista il gap tra Wear OS e watchOS è ancora molto ampio, ma bigG sta iniziando a colmarlo e con un aggiornamento per Google Fit in arrivo nei prossimi giorni questo divario si assottiglierà ulteriormente.

Questa settimana, Google aggiunge a Fit un paio di nuove funzionalità per rendere più facile monitorare i progressi delle attività e dedicarsi ad un po’ di relax.

La prima novità riguarda la (re)introduzione di un widget per la schermata iniziale dello smartphone Android che permette di posizionare direttamente in home un indicatore ottagonale di avanzamento delle attività dei minuti percorsi insieme agli Heart Points, ovvero il sistema a punti che Google sfrutta per spingere l’utente a conquistare i suoi obiettivi quotidiani, come se il fare fitness fosse un gioco. Un secondo indicatore widget nella home mostra invece la quantità di calorie bruciate, passi compiuti e metri percorsi.

La seconda novità in arrivo riguarda un nuovo esercizio di respirazione guidata su Google Fit per gli smartwatch Wear OS, simile all’app Breathe di Apple per Apple Watch.

Altre novità riguardano l’aggiunta di un rapporto di allenamento più approfondito, con tanto di mappa GPS e l’opzione che permette di regolare l’intensità di un allenamento programmato manualmente all’interno della scheda. In questo modo gli Heart Points vengono assegnati in maniera più precisa da Google.

Entrambe le nuove funzioni saranno disponibili tramite update per gli smartwatch e gli smartphone Android entro questa settimana.

Nel mese di aprile l’app Google Fit ha ricevuto un importante aggiornamento che ha modificato il look dell’interfaccia e alcune funzionalità sia su Android che su Wear OS. In soldoni con questo update viene spostando il focus dai tradizionali parametri alle metriche (Heart Points e Move Minutes) sulle quasi si basa il calcolo degli obiettivi giornalieri.

Fonte: The Verge • Immagine: Google