QR code per la pagina originale

Cortana, ricerca separata e supporto multi-utente

Nell'ultima Build Insider di Windows 10, alcuni tester hanno notato che Microsoft ha separato Cortana dalle funzionalità di ricerca del sistema operativo.

,

Per Cortana sarebbero in arrivo importanti novità. Da un po’ di tempo si sussurrava che Microsoft avrebbe separato Cortana dalla ricerca all’interno di Windows 10. Questa importante novità che cambia il modo di utilizzare l’assisstente e lo strumento di ricerca del sistema operativo ha fatto capolino all’interno dell’ultima Build Insider di Windows 10 rilasciata pochi giorni fa.

La separazione tra Cortana e la ricerca di Windows non era stata segnalata all’interno delle note di rilascio della Build probabilmente perché si trova in una fase di test A / B. Questo significa che non tutti gli Insider possono accedere a questa novità. L’obietto di Microsoft è probabilmente quello di raccogliere il più alto numero possibile di feedback per decidere poi che strada effettivamente prendere. Gli Insider che hanno accesso a questa novità vedranno nella taskbar del sistema operativo due icone: una che offre l’accesso a Cortana ed una che permette di avviare la ricerca.

Se i test andranno bene, questa separazione diventerà presto disponibile per tutti gli Insider. Gli utenti Windows 10 dovranno attendere, invece, la prossima primavera quando il gigante del software distribuirà il prossimo grande step funzionale del suo sistema operativo.

Le novità per Cortana non sono, però, finite. L’assistente personale di Microsoft starebbe guadagnando il supporto multi-utente. Una novità che sarebbe stata notata da alcuni utenti americani. Questa funzione permetterebbe di registrare sino a 6 voci differenti. Grazie a questa nuova opzione, Cortana dovrebbe essere in grado di poter riconoscere ed interagire con più persone.

Una novità che risulterebbe utile soprattutto sugli smart speaker più che sui PC. Come evidenziato, al momento questa curiosa nuova funzionalità è stata notata solamente da alcuni utenti americani. Microsoft non si è espressa ufficialmente e quindi bisognerà attendere ancora un po’ per capire se questa novità sarà un’esclusiva di pochi o se sarà successivamente allargata a tutti gli utilizzatori di Cortana.