QR code per la pagina originale

Online le foto della Canon PowerShot G7 X Mark III

La prossima compatta di Canon, PowerShot G7 X Mark III, compare in alcuni scatti promozionali online prima del lancio.

,

Le voci delle scorse settimane su un lancio a gennaio della Canon PowerShot G7 X Mark III assumono oggi una valenza maggiore. Il sito Nokishita, specializzato in indiscrezioni sul mondo della fotografia e non solo, ha pubblicato alcune immagini promozionali della compatta di Canon, insieme a una breve lista delle specifiche di cui dovrebbe essere dotata.

A conti fatti, almeno esteticamente, non cambia molto rispetto alla PowerShot G7 X Mark II, una delle migliori compatte attualmente in commercio. Dando un occhio alle caratteristiche però, almeno quelle presunte, le novità sono sotto la scocca, vista l’integrazione della connessione Wi-Fi e Bluetooth, per dar vita a più semplici modalità di trasferimento delle immagini con smartphone e dispositivi supportati. Il sensore dovrebbe essere un CMOS da 24,1 MP con una velocità di cattura di 10 fps mentre il puntatore digitale avrà 3 pollici di diagonale, orientabile verso l’alto di 180 gradi in modalità selfie e verso il basso di 45 gradi.

Stando a Nokishita, l’obiettivo avrà una lunghezza da 8,8 a 36,8 mm con apertura focale f/1,8-2,8 (l’attuale modello Mark II ne sfoggia uno da 24-100mm e f/1,8-2,8), insieme a una batteria NB-13L già presente in uso nella PowerShot G7 X Mark II capace di un’autonomia fino a 265 scatti. A differenza della versione precedente, pare che la Canon PowerShot G7 X Mark III possa registrare filmati in 4K ma, in assenza di comunicazioni ufficiali, il tutto è da prendere con le dovute molle, rimandando la certezza a qualche settimana, quando partirà il CES di Las Vegas, durante il quale ne sapremo di più.

Impossibile ovviamente parlare di prezzi, anche se possiamo ipotizzare qualcosa di simile all’etichetta della versione odierna, uscita a maggio del 2016. Due anni fa, il costo della Mark II era di 699,99 euro al lancio, un range sotto il quale sarà difficile scendere la prossima primavera.