QR code per la pagina originale

Play Store: app infette colpiscono 8 mln di utenti

A segnalare l'ennesima presenza di contenuti malevoli nella libreria di Google Play Store Lukas Stefanko, ricercatore di sicurezza per ESET.

,

Ennesima segnalazione di applicazioni contenenti adware (“virus” pubblicitari) su Google Play Store. A segnalare la presenza di contenuti malevoli nella libreria di bigG Lukas Stefanko, ricercatore di sicurezza per ESET.

Stefanko ha scoperto 9 applicazioni Android su Google Play Store che inviavano spam agli utenti attraverso annunci indesiderati. Una delle applicazioni denominate “Remote control for TV and home electronics” (in pratica un’app per controllare la tv e dispositivi collegati ad essa tramite lo smartphone) è stata installata da oltre 5 milioni di utenti, mentre in totale le 9 app “truffaldine” sono state installate da 8 milioni di utenti in tutto il mondo.

Secondo Stefanko, nessuna delle applicazioni di cui sopra funzionava e il loro unico scopo era quella di bombardare gli utenti con annunci per generare entrate agli sviluppatori di app. A distribuire queste app Tools4TV, sviluppatore attivo dal 2015.

Ecco come si chiamano le app incriminate : Remote control; TV remote controller; TV remote controlling; Remote for Air conditioner; Remote for television for free; Air conditioner remote control; Universal TV remote controller; Remote control for the car (prank); Remote control for TV and home electronics

Si tratta della seconda volta in una settimana che viene segnalata la presenza di app adware sul Play Store. Settimana scorsa, i ricercatori di sicurezza per Trend Micro hanno rivelato che sul mercato c’erano 85 app infette da adware che infastidivano circa 9 milioni di utenti Android con annunci indesiderati a schermo interno.

Le 85 app – sviluppate da Alger games e Kodev – sono state prontamente rimosse da Google, ma non è ancora chiaro se ci sia una connessione tra queste e le app segnalate da Lukas Stefanko. Su Play Store sono state rimosse tutte le applicazioni di Tools4TV

Fonte: hackread • Immagine: ymgerman via iStock