QR code per la pagina originale

MacBook Pro: arriva il FlexGate per gli schermi

FlexGate, nuova problematica hardware per Apple: i MacBook Pro del 2016 presentano difetti di retroilluminazione, dovuti all'uso di cavi troppo delicati.

,

Dopo il BendGate, le polemiche sorte online per la tendenza alla deformazione delle scocche dei nuovi iPad Pro, per Apple è tempo di un’altra tempesta social relativa a un difetto hardware. Arriva infatti il FlexGate, una problematica che affligge la retroilluminazione dei display dei MacBook Pro del 2016, dovuta a dei cavi di connessione troppo delicati.

La questione è stata analizzata da iFixit, su segnalazione di diversi utenti: secondo quanto riferito, alcuni possessori della versione 2016 di MacBook Pro avrebbero incontrato dei difetti nella retroilluminazione dei display, con un effetto “luce da palcoscenico” sulla porzione inferiore dello schermo. iFixit, controllando le componenti hardware del laptop, ha rilevato la presenza di alcuni cavi piatti molto delicati, per la connessione del pannello alla scheda logica. Questi ultimi, forse a causa del meccanismo di apertura del laptop o per le temperature tipico del dispositivo, si logorano con il tempo impedendo al display di ricevere i corretti segnali per l’illuminazione.

A differenza dei precedenti modelli di MacBook, dove questi cavi possono essere indipendentemente sostituiti per una spesa di pochi euro, nell’edizione 2016 di MacBook Pro risultano integrati nello schermo, tanto da richiedere l’intera sostituzione del pannello in caso di guasto. Un intervento che potrebbe costringere gli utenti a pagare fino a 600 dollari in riparazione, poiché la problematica di natura hardware non è al momento ufficialmente riconosciuta dal gruppo di Cupertino. Non è però tutto, poiché sarebbero giunti i primi report anche su device successivi al 2016, compresi alcuni recentissimi MacBook Pro 2018.

Al momento, iFixit non è in grado di determinare quanto sia esteso il fenomeno, tuttavia spera che il gruppo di Cupertino possa avviare un piano di risoluzione gratuita: il deterioramento del cavo è infatti indipendente dall’uso che gli utenti fanno del loro laptop, bensì sarebbe dovuto a un’errata progettazione hardware. Apple non ha al momento commentato la questione. Sul sito Flexgate.me, nel frattempo, è stata avviata una petizione per convincere la società di Cupertino a intervenire tempestivamente.

Fonte: FlexGate • Via: The Verge • Immagine: Unsplash