QR code per la pagina originale

Google sta progettando una console next-gen?

Secondo alcune recenti indiscrezioni, pare che Google sia al lavoro su una console potente, in grado di fare concorrenza ai top del settore videoludico.

,

Anche Google sembrerebbe volersi tuffare a capofitto nel mercato dei videogiochi, facendo concorrenza ai top del settore. Stando a quanto dichiarato dal famoso insider Liam Robertson, l’azienda starebbe infatti lavorando a una nuova piattaforma, una voce che sembrava ormai assopita con l’ufficializzazione del servizio di streaming, avvenuta al lancio di Assassin’s Creed Odyssey.

Secondo la fonte, dovrebbe trattarsi di un hardware dalla grande potenza di calcolo, capace di tenere testa alle macchine attuali; a capitanare il progetto sembrerebbe esserci Phil Harrison, ex dirigente di Sony e Microsoft assunto da Google lo scorso anno. L’obiettivo dovrebbe essere quello di consentire ai giocatori di sperimentare titoli sviluppati internamente, così come da realtà vicine al colosso della ricerca.

Interessante come Robertson, attraverso un cinguettio, sottolinei che la console in fase di sviluppo non abbia nulla a che vedere con la sfortunata Ouya, trattandosi di una piattaforma di livello superiore. Specifica infatti:

Ho visto alcuni di questi giochi… e sono giochi a cui la gente vorrebbe giocare.

Di seguito è possibile dare un’occhiata al tweet.

In sostanza è possibile che in un futuro nemmeno troppo lontano Google potrà competere con Microsoft, Sony e Nintendo in un settore in cui, fino a oggi, è stata quasi totalmente estranea. Intanto BigG ha annunciato il Google I/O, conferenza annuale focalizzata sullo sviluppo, ormai appuntamento imperdibile per gli sviluppatori di tutto il Mondo: si terrà dal 7 al 9 maggio 2019, il che non sorprende più di tanto. D’altronde il periodo dell’anno in cui viene programmato l’evento è sempre quello. E, ancora una volta, la location dell’esibizione sarà lo Shoreline Amphitheatre di Mountain View, in California, per il quarto anno consecutivo.

Fonte: Twitter • Immagine: PIxabay