QR code per la pagina originale

Automazione, IA farà perdere il 25% dei lavori

Si stima che al 2030 l'intelligenza artificiale sostituirà il lavoro soprattutto di uomini e giovani.

,

L’automazione sta arrivando: Nel 2030 il 25% dei lavori, almeno negli Stati Uniti, sarà sostituito da macchine intelligenti. Questa è la conclusione di un nuovo studio della Brookings Institution, una non profit statunitense. La ricerca riguarda l’impatto dell’automazione sul lavoro dal 1980 al 2016, ma fa anche una stima per il futuro, appunto fino al 2030.

Già oggi robot e macchine dotate di intelligenza artificiale sono largamente usate per affiancare o sostituire il lavoro umano. Gli ambiti produttivi nei quali sono utilizzati sono i più disparati, ma ciò è destinato in futuro ad aumentare. Lo studio prende in esame anche i settori che risentiranno di più dei cambiamenti che porteranno le nuove tecnologie: in particolare l’impatto si sentirà maggiormente sugli uomini e i giovani.

Come altre ricerche in questo ambito, anche quella di Brookings Institution dice che i settori più colpiti saranno quelli della produzione, trasporti, amministrazione e ristorazione. Di queste oltre il 70% delle mansioni potranno essere automatizzate. In realtà, secondo gli esperti, solo un quarto del totale dei lavori sono a rischio, un numero più basso rispetto ad altre stime.

Nell’ambito produttivo il 90% delle occupazioni in futuro potrà essere gestito da macchine intelligenti. Il settore della ristorazione sicuramente sarà rivoluzionato dalla presenza di robot: per soddisfare la clientela potranno compiere l’85% delle mansioni richieste quotidianamente.

I trasporti sono un altro settore che viene molto spesso citato in queste ricerche: le auto a guida autonoma arriveranno a sostituire il 78% dei posti di lavoro. Saranno gli uomini a subire di più dal processo di automazione, è una questione meramente numerica. Sono loro infatti a ricoprire per la maggior parte le mansioni richieste in questi settori.