QR code per la pagina originale

Apple con le star: streaming video il 25 marzo?

Apple potrebbe presentare il suo servizio di streaming il prossimo 25 marzo: l'azienda sta organizzando un evento con le star di Hollywood.

,

Il servizio di streaming video di Apple, di cui ormai si discute da parecchi mesi, potrebbe essere lanciato il 25 marzo. È quanto rende noto Bloomberg, nel sottolineare come il gruppo di Cupertino stia invitando numerose star hollywoodiane al suo evento, tra cui ovviamente gli attori delle serie commissionate dall’azienda. La data è la medesima emersa online ieri, in merito alla possibile presentazione di un piano in abbonamento per la lettura di quotidiani e magazine.

La kermesse si terrà probabilmente allo Steve Jobs Theater di Apple Park e, stando alle indiscrezioni emerse al momento, sono già molte le celebrity che avrebbero confermato la loro presenza: Jennifer Aniston, Reese Witherspoon, Jennifer Garner, JJ Abrams e molti altri. Tutte star che hanno recitato in una delle tante serie prodotte da Apple negli ultimi mesi, fatta eccezione per JJ Abrams, ovviamente alla regia.

Così come già noto, Apple ha intenzione di sbarcare sul mercato dello streaming video, un settore già abbastanza affollato di alternative tra cui Netflix, Amazon Prime Video e Hulu. La società negli scorsi mesi ha commissionato la produzione di decine di serie e, fatto questo non da poco, è riuscito a stringere delle partnership strategiche: la più nota è quella con Oprah Winfrey, la regina dei talk show a stelle e strisce.

La piattaforma dovrebbe essere inizialmente disponibile negli Stati Uniti, per poi estendersi in altre 100 nazioni mondiali nel corso dell’anno. Secondo alcuni analisti, Apple potrebbe addirittura fornirne l’accesso gratuitamente ai possessori di un Apple ID, anche se la notizia è al momento tutt’altro che confermata. In aggiunta, in alcuni Paesi il gruppo potrebbe offrire dei pacchetti in streaming a pagamento aggiuntivi, come alcuni canali dei pacchetti della pay-tv. Al momento, infine, non è noto se il servizio godrà di una piattaforma autonoma oppure se verrà integrato nell’attuale Apple Music: manca poco più di un mese per scoprirlo.

Fonte: Bloomberg • Via: MacRumors • Immagine: Tinseltown via Shutterstock