QR code per la pagina originale

Sony Xperia L3, possibili specifiche e prezzo

Il nuovo Sony Xperia L3 dovrebbe avere uno schermo 18:9 da 5,7 pollici, processore MediaTek, 3 GB di RAM, 32 GB di storage e doppia fotocamera posteriore.

,

Sony dovrebbe annunciare il top di gamma Xperia XZ4 e due smartphone di fascia media (Xperia 10 e 10 Plus) al Mobile World Congress 2019 di Barcellona. Il produttore giapponese potrebbe anche svelare il modello entry level Xperia L3, del quale sono trapelate online le possibili specifiche.

Il design dello smartphone è simile a quello degli Xperia 10 e 10 Plus. Tuttavia, come si può vedere nelle immagini, le cornici superiore e inferiore sono piuttosto evidenti. Lo spessore è chiaramente eccessivo per gli standard attuali. Lo schermo dovrebbe avere una diagonale di 5,7 pollici e una risoluzione HD+ (1440×720 pixel), quindi il rapporto di aspetto a 18:9. Essendo un modello di fascia bassa, il telaio sarà probabilmente in plastica. Anche la dotazione hardware prevista è adeguata alla categoria.

Il nuovo Xperia L3 dovrebbe integrare un processore octa core MediaTek, affiancato da 3 GB di RAM e 32 GB di memoria flash, espandibili con schede microSD. Sony avrebbe scelto sensori da 13 e 2 megapixel per la doppia fotocamera posteriore e un sensore da 8 megapixel per la fotocamera frontale. Le note positive sono il lettore di impronte digitali sul lato destro, il jack audio da 3,5 millimetri e la porta USB Type-C.

La batteria dovrebbe avere una capacità di 3.300 mAh. Il sistema operativo sarà Android 8.1 Oreo. Tre i colori previsti al lancio: oro, argento e grigio. Secondo il sito WinFuture, lo smartphone costerà 199,00 euro. Il prezzo è probabilmente riferito al mercato tedesco, per cui gli utenti italiani dovranno sborsare una somma leggermente superiore. Nei prossimi giorni potrebbero essere divulgate ulteriori informazioni su questo dispositivo e gli altri che Sony svelerà a Barcellona.

Aggiornamento del 18 febbraio: Sony ha confermato l’evento del 25 febbraio a Barcellona con un post sul blog ufficiale e un breve video su Twitter.

Fonte: WinFuture • Immagine: WinFuture