FarFarOut, scoperto l’oggetto “ancora più lontano”

È stato scoperto FarFarOut, il nuovo oggetto più lontano conosciuto del Sistema Solare.

Appena un paio di mesi dopo aver individuato quello che sembrava essere l’oggetto più lontano conosciuto del Sistema Solare (nominato FarOut), l’astronomo Scott Sheppard si è imbattuto in bel grattacapo: come chiamare un oggetto ancora più lontano? Per il momento, la soluzione è stata battezzarlo FarFarOut.

È stato da poco scoperto ed è distante 20 miliardi di chilometri dal Sole, vale a dire 3,5 volte più lontano di Plutone: attualmente è solo un puntino su immagini scattate da potenti telescopi ma, qualora fosse come FarOut, possiamo supporre si tratti di un pianeta ghiacciato e sferico.

Sheppard è uno scienziato della Carnegie Institution e avrebbe dovuto tenere un discorso pubblico, mercoledì scorso a Washington, a proposito di oggetti lontani come FarOut e la possibile esistenza di un nono pianeta (o “Pianeta X”). Ma una tempesta ha posticipato l’evento di 24 ore e Sheppard ha approfittato della giornata di neve esaminando alcuni dati. Sheppard dichiara a proposito di FarFarOut:

Questi corpi celesti così distanti sono come briciole di pane che ci conducono al Pianeta 9. Più ne troviamo, meglio potremo capire la zona più esterna del Sistema Solare e la possibile esistenza di un pianeta che modelli le loro orbite.

FarOut e FarFarOut rappresentano scoperte così nuove che gli oggetti non sono ancora stati studiati a sufficienza per avere un’idea delle loro orbite attorno al Sole.

A proposito di pianeti, nei giorni scorsi il rover Opportunity su Marte è stato dichiarato morto dalla NASA, dopo numerosi tentativi di contatto: la causa è da ricercarsi in una tempesta di sabbia che, nei mesi precedenti, aveva coperto il cielo del Pianeta Rosso negando alla batteria del veicolo automatico di ricaricarsi.

Ti potrebbe interessare