QR code per la pagina originale

NASA, prima passeggiata spaziale di sole donne

Il prossimo 29 marzo, la NASA condurrà la prima passeggiata spaziale tutta al femminile.

,

Il 29 marzo, due astronaute della NASA intraprenderanno un’operazione fuori dalla Stazione Spaziale Internazionale (ISS) che rimarrà nella storia. Se tutto dovesse andare secondo i piani, le protagoniste della Spedizione 59 Anne McClain e Christina Koch si cimenteranno in una passeggiata spaziale di circa sette ore al fine di svolgere una serie di operazioni all’esterno del laboratorio orbitante, a partire dalle 12:00 (ora italiana).

Si tratta di un’uscita di routine, la prima di tre pianificate, ma sarà un evento memorabile per ragioni che vanno al di là della missione stessa: assisteremo infatti alla prima passeggiata spaziale tutta al femminile. Il controllore di volo Kristen Facciol ha mostrato tutto il suo entusiasmo a inizio mese, quando con un tweet ha annunciato di essere stata scelta per assistere dalla Terra le due astronaute.

Quando la McClain e la Koch usciranno dalla ISS il 29 marzo, saranno trascorsi quasi 35 anni da quando la prima donna ha effettuato la prima attività extraveicolare nello spazio – vale a dire Svetlana Savitskaya, il 25 luglio 1984. E i loro sforzi saranno supportati da un team di sole donne alla base. Oltre alla Facciol, l’operazione sarà guidata da Mary Lawrence e da Jackie Kagey.

Correva l’anno 1963 quando Valentina Tereškova fu mandata nello spazio: e segnò la storia, in quanto prima donna a lasciare il nostro Pianeta. Nel 1983, Sally Ride divenne la prima donna americana ad andare nello spazio, con il suo storico volo sulla navetta spaziale Challenger. Un decennio dopo, Mae Jemison fu la prima donna di colore nello spazio, a bordo dello Space Shuttle Endeavour. Quella del prossimo 29 marzo non sarà che un’altra pietra miliare da aggiungere ai grandi traguardi raggiunti dal gentil sesso.

A proposito della ISS, nei giorni scorsi  la capsula Crew Dragon ha raggiunto con successo il laboratorio orbitante.

Fonte: Space.com • Immagine: NASA