QR code per la pagina originale

Google Maps cambia look su desktop

Google Maps sta per ricevere delle sul fronte estetico con l'arrivo del Material Theme nella versione desktop del servizio.

,

Dopo le importanti novità sulle funzioni come autovelox e realtà aumentata, Google Maps sta per ricevere delle migliorie anche sul fronte squisitamente estetico con l’arrivo del Material Theme nella versione desktop del servizio.

Come scrivono i colleghi di Android Police, infatti, alcuni utenti hanno già potuto constatare il redesign dell’applicazione firmata Google su desktop. Il cambiamento più importante riguarda senza dubbio la finestra che rappresenta il luogo cercato, fino ad oggi con testo bianco su sfondo blu e che con il Material Theme passa invece ad un testo nero con sfondo bianco neutro.

La foto principale, sempre della località cercata, si posiziona più in alto rispetto a prima, il nome è scritto con un grassetto più marcato e le stelle di valutazione sono gialle e non più arancione. Le icone di accesso rapido sono arrotondate e accompagnate da un testo grigio più piccolo che va a sostituire quello blu con lettere maiuscole presente nella vecchia grafica. Si sposta anche l’icona delle indicazioni stradali.

La barra di ricerca in alto diventa anch’essa arrotondata e, quando ci si passa sopra con il mouse, le location a le icone vicine vengono raggruppate all’interno di un grande pulsante blu. Anche il testo e il suo colore sembrano essere leggermente cambiati.

Tuttavia non proprio tutto cambia con il nuovo look di Google Maps su desktop: molti elementi sono sempre gli stessi, come il menu laterale o la schermata principale con le icone casa e lavoro e i filtri di ricerca. La nuova interfaccia grafica cambierà attraverso un aggiornamento lato server, ma al momento non sono ancora chiari i tempi dell’update.

Nel frattempo, pochi giorni fa, il colosso di Mountain View ha fatto sapere che Google Maps ha raggiunto il ragguardevole traguardo di 5 miliardi di installazioni sul Play Store

Fonte: android police • Immagine: Pixabay