QR code per la pagina originale

SpaceX rimanda il lancio di Falcon 9 al 4 maggio

Il lancio del razzo Falcon 9 e il cargo Dragon è stato rimandato ancora una volta da parte di SpaceX a causa di problemi alla nave drone.

,

SpaceX ha rimandato per l’ennesima volta il lancio del razzo Falcon 9 e del cargo Dragon per la missione della NASA CRS-17. Dove partire oggi 3 maggio, ma il lancio è stato posticipato di 24 ore, quindi avverrà domani 4 maggio. I preparativi per questa diciassettesima missione di rifornimento commerciale è in preparazione da diversi giorni, il lancio avverrà dallo Space Launch Complex 40 presso la Cape Canaveral Air Force Station (Florida, USA).

Inizialmente il Falcon 9 doveva partire il 26 aprile, ma poi il lancio è stato spostato al primo maggio, poi al 3 su richiesta della NASA, dato che era stato trovato un problema in una delle “Main Bus Switching Units”: praticamente un guasto elettrico sulla Stazione Spaziale Internazionale che ha causato dei cali di tensione e quindi la riduzione dell’energia a bordo del 25%.

Le MBSU servono a convogliare l’energia elettrica prodotta dai pannelli solari della ISS verso i diversi moduli. Il guasto è stato riparato, ma a quanto pare ci sono stati altri problemi.

L’ennesimo ritardo pare essere stato causato dai problemi alla nave drone che deve recuperare il primo stadio del razzo. Il lancio comunque avverrà alla stessa ora di sabato e sarà decisamente importante: all’interno del Falcon 9 di SpaceX sono contenuti 2,5 tonnellate di materiale, tra le quali figurano diverse strumentazioni per la ricerca scientifica delle spedizioni 59 e 60, ma anche i rifornimenti per gli astronauti. Dopo soli 9 minuti dal lancio del Falcon 9, il cargo Dragon si staccherà, per raggiungere la ISS il 5 maggio. La nave drone “Of Course I Still Love You” nell’Oceano Atlantico recupererà il poi il primo stadio.

Durante il mese di luglio ci sarà invece le spedizioni 60 e 61, con l’italiano Luca Parmitano. Il lancio del 4 maggio potrà essere visionato anche in diretta nel video YouTube in alto.