QR code per la pagina originale

WhatsApp: no, la Dark Mode non è stata cancellata

La tanto attesa modalità scura di WhatsApp è a rischio cancellazione? No, gli sviluppatori tornano al lavoro sulla Dark Mode.

,

WhatsApp ha cancellato lo sviluppo della tanto attesa Dark Mode? No, fortunatamente è stato n falso allarme. Il sempre ben informato WABetainfo aveva scritto nei giorni scorsi su Twitter che nella versione 2.19.123 della beta su Android erano spariti tutti i riferimenti alla modalità scura dell’app di messaggistica più conosciuta al mondo.

Nessuno era a conoscenza dei motivi, per questo quel tweet ha scatenato il panico tra gli appassionati, almeno tra quelli che aspettano le novità e cercano di adottarle per primi. La Dark Mode è utile per coloro che sono dotati di dispositivi con schermi OLED, anche se questa versione non presenterebbe un nero perfetto come colore principale. Gli sviluppatori hanno infatti scelto un colore rappresentato dal codice esadecimale #111111, utile comunque a un maggiore risparmio energetico e ad affaticare meno gli occhi.

Oggi è arrivata però la conferma sempre dalla stessa fonte: WhatsApp sta ancora lavorando alla Dark Mode: “Buone notizie: WhatsApp funziona di nuovo in modalità scura per Android“, si legge nel tweet.

Le prossime novità

Anche se sul palco del Facebook F8 si è parlato solo della sezione “cataloghi”, utile soprattutto per le aziende che operano sull’app, in futuro arriveranno diverse novità che sono state già avvistate nelle varie beta. Tra queste ci sono le chiamate tramite WhatsApp Web, che permetteranno di avere l’opzione direttamente nel menu principale delle chat. Per ora si parla di “chiamate vocali”, mentre lo sviluppo delle videochiamate è in fase alpha, quindi è ancora troppo presto per fare speculazioni su questo. Arriveranno infine anche gli adesivi animati, versione in movimento di quelli standard, anche se attualmente non si è conoscenza del periodo di rilascio al pubblico: le ultime indiscrezioni in ogni caso parlano di una disponibilità per tutti molto più vicina di quanto si possa immaginare.

Immagine: PxHere