Le Tesla si ordinano i pezzi di ricambio da sole

Le Tesla sono in grado, adesso, di effettuare un’auto diagnosi e di ordinare automaticamente le parti di ricambio in caso di guasto.

Chi non vorrebbe un’auto in grado di diagnosticare da sola i problemi e di ordinare automaticamente i pezzi di ricambio necessari per la riparazione? Non è fantascienza ma una nuova possibilità che le Tesla offrono ai loro utenti a seguito di un recente aggiornamento del firmware rilasciato via OTA dalla casa madre. In realtà queste novità erano attese in quanto la società aveva annunciato una serie di iniziative per migliorare il servizio di assistenza. Le auto elettriche americane, dunque, terranno sotto stretto controllo alcune parti dell’auto e nel caso rilevassero problemi non solo avviseranno gli utenti ma provvederanno anche a prenotare i pezzi di ricambio.

Ovviamente, i possessori delle auto potranno annullare l’ordine nel caso non lo ritenessero necessario. L’obiettivo di queste novità è quello di migliorare il servizio di assistenza tecnica automatizzandone alcuni aspetti. Infatti, quando le auto segnaleranno il problema, inviteranno gli utenti a fissare un appuntamento presso il centro assistenza utilizzando l’applicazione dell’auto. Trattasi di un modo molto intelligente di sfruttare le potenzialità di un’auto connessa. Grazie alle funzioni di connettività delle auto, Tesla punta a migliorare i tempi di intervento che in passato sono sempre stati un po’ un problema soprattutto a causa dei ritardi nell’approvvigionamento dei pezzi di ricambio.

Effettivamente, i tempi di attesa nelle riparazioni spesso sono troppo lungi a sentire i possessori di un’auto elettrica del brand americano. Questa novità dovrebbe quindi rappresentare un primo passo per ottimizzare anche questo aspetto.

Tesla ha pure dimostrato che con le auto connesse è possibile implementare anche questo genere di servizi mostrando in anticipo un pizzico di futuro in cui le auto saranno in grado di offrire automaticamente una serie di servizi aggiunti in grado di alleggerire i compiti dei proprietari.

Ti potrebbe interessare
La Regione Lazio vieta Internet ai dipendenti per colpa di Facebook
Web e Social

La Regione Lazio vieta Internet ai dipendenti per colpa di Facebook

Chissà come avranno reagito i 3.000 dipendenti della Regione Lazio alla circolare che, nei giorni scorsi, ha disposto il divieto di accedere a Internet dal posto di lavoro. E soprattutto, chissà se qualcuno di loro cederà alla tentazione di cliccare su “Non mi piace più” nella pagina ufficiale Facebook della presidente in carica Renata Polverini,