QR code per la pagina originale

Primo tunnel sotterraneo di Elon Musk a Las Vegas

The Boring Company tra due mesi inizierà a costruire il primo tunnel sotterraneo a Las Vegas, per un progetto da 48,7 milioni di dollari.

,

The Boring Company costruirà il suo primo tunnel a Las Vegas: si tratta dell’azienda del vulcanico Elon Musk, che ha l’obiettivo di ridurre il traffico su strada costruendo tunnel dove potranno viaggiare automobili a più di 200 km/h. Il contratto è stato approvato dal Las Vegas Convention and Visitors Authority, che è l’ente deputato a promuovere il turismo in Nevada.

Serviranno 48,7 milioni di dollari per realizzare il progetto, in particolare tre stazioni, con due gallerie deputate al trasporto delle vetture e una per i pedoni. Saranno lunghe circa 1,3 chilometri, la costruzione dovrebbe partire tra due mesi per essere ultimata a gennaio 2021, proprio per l’inizio del CES di quell’anno, cioè una delle più importanti fiere al mondo di elettronica di consumo. Musk ha riportato su Twitter, suo mezzo di comunicazione preferito, che i lavori potrebbero finire anche prima.

Il primo contratto commerciale di The Boring Company prenderà forma quindi come sistema di trasporto sotterraneo attorno al Convention Center di Las Vegas. L’iniziativa è stata soprannominata Campus Wide People Mover (CWPM), perché il suo scopo principale è quello di spostare le persone all’interno della struttura.

I tunnel quindi si innestano con la futura espansione dell’area, con un’intera struttura che occuperà 200 acri dopo che tutta la costruzione sarà terminata: le persone dovrebbero camminare per più di tre chilometri, ma con questi tunnel riusciranno ad arrivare a destinazione molto più velocemente. Sul sito ufficiale si legge infatti che camminare dal New Exhibit Hall all’esistente North/Central Hall impiegherebbe 15 minuti. Un viaggio invece nei tunnel impiega solo un minuto.

The Boring Company ha il primo cliente, ma corre anche dei rischi: pagherà una sanzione di 300.000 per evento (fino a 4,5 milioni di dollari) se non riuscirà a garantire la piena capacità di passeggeri durante i primi 18 mesi.