QR code per la pagina originale

macOS Catalina: Sidecar solo con alcuni Mac

Le funzionalità di Sidecar in macOS Catalina saranno disponibili su un numero ristretto di Mac, ma pare vi sia una soluzione da Terminale.

,

Una delle funzioni più interessanti di macOS Catalina, il nuovo sistema operativo per Mac in arrivo in autunno nella sua versione finale, non sarà disponibile su tutti i computer Apple. È quanto ha reso noto lo sviluppatore Steve Troughton-Smith nell’analizzare la prima beta del software, pronta a confermare il supporto di Sidecar solo nelle macchine più recenti.

Sidecar è la funzione di macOS Catalina che permette di associare un iPad – sia tramite wireless che via cavo – al proprio Mac, per utilizzarlo come secondo schermo oppure come dispositivo di input. Ad esempio, i creativi possono utilizzare iPad e Apple Pencil per disegnare su applicazioni grafiche, come Illustrator di Adobe. A quanto pare, però, la feature non sarà per tutti.

Il developer ha infatti confermato come la funzionalità sia limitata a questi modelli del gruppo di Cupertino:

  • iMac 27 di fine 2015 o successivi;
  • iMac Pro 2017;
  • MacBook Pro di metà 2016 e successivi;
  • Mac Mini di fine 2018;
  • MacBook Air di fine 2018;
  • MacBook 2016 e successivi;
  • Mac Pro 2019.

La beta di Catalina, nel mentre, inserisce tutti i precedenti modelli in un’apposita blacklist, che impedisce di sfruttare l’opzione di condivisione schermo. Tuttavia, Troughton-Smith ha scoperto come su alcuni Mac non compatibili le funzionalità di Sidecar si possano abilitare con delle stringhe di codice nel Terminale, di conseguenza le limitazioni volute da Apple non sembrerebbero essere unicamente di natura hardware. Al momento, non è dato sapere se la lista prevista da Cupertino sia definitiva oppure unicamente destinata alla prima beta di macOS 10.15: se ne saprà di più nelle prossime settimane.

Nel frattempo, sul fronte di iPad la compatibilità sembra essere più fumosa: iPadOS supporta tutti i tablet con processore pari o superiore all’A8X, ma non è ben chiaro quali dei modelli – da iPad Air 2 ai più recenti iPad Pro – potranno effettivamente sfruttare Sidecar.

Fonte: MacRumors • Immagine: Apple