QR code per la pagina originale

Ryzen 9 3950X migliore dell’Intel i9-9980XE

Secondo i primi benchmark diffusi in rete, la Ryzen 9 3950X di AMD sarà in grado di superare la CPU i9-9980XE a 18 core di Intel.

,

AMD sta vivendo mesi entusiasmanti, molto ricchi di iniziative. Tra processori e schede grafiche, il prossimo annuncio riguarderà con molta certezza l’arrivo di una Ryzen 9 3950X che, secondo i primi benchmark non ufficiali diffusi online, ha già battuto il Core i9-9980XE a 18 core di Intel.

Almeno questo è secondo i punteggi Geekbench 4 trapelati e individuati dal leaker APISAK su Twitter. Sembra dunque che la CPU Ryzen a 16 core sia capace di raggiungere un punteggio di 5.868 nel test single-core di Geekbench 4, mentre porta a casa 61.072 nel test multi-core. Ciò significa che la parte Ryzen batte il chip Intel a 18 core, che secondo i punteggi medi forniti da GeekBench 4, prende 5,391 punti per il punteggio single-core e 46,876 per il multi-core.

Questo sarebbe un bel colpo per le Ryzen che, di fatto, dovrebbero avere un prezzo base di 749 dollari, contro i 1.800 dollari dei Core i9-9980XE. E proprio WCCFTech fa notare che il nuovo processore Ryzen ha persino scavalcato il più costoso Threadripper 2950X a 16 core, e questo prima che il margine di overclocking del Ryzen 9 3950X venga preso in considerazione.

Tutto sommato, il chip di AMD, incentrato sui giochi, pare essere una CPU piuttosto potente a completamento della gamma di terza generazione, che cioè usa l’architettura Zen 2 di AMD basata su un processo di fabbricazione a 7 nanometri.

Certo, i benchmark sono una cosa, le prestazioni del mondo reale un’altra anche se dal punto di vista delle performance, il Ryzen 9 3950X non dovrebbe rischiare di andare in difficoltà per quanto riguarda i carichi di lavoro di gioco e multi-thread. In questo modo, AMD sembra destinata ad avere una seconda parte dell’anno spumeggiante, con un grande interesse per le venture Navi Radeon. La replica di Intel alla line-up di Ryzen non è attesa nell’immediato, anche perché i primi processori desktop a 10 nm sono in pausa a tempo indeterminato.