QR code per la pagina originale

Google Calendar, nuova truffa passa dagli eventi

Una nuova truffa sfrutterebbe Google Calendar per invitare gli utenti a eventi sospetti, contenenti link per rubare informazioni personali e bancarie.

,

Il phishing ha raggiunto lidi inesplorati. Come identificato da Kapersky Lab, pare che i truffatori stiano traendo vantaggio da un’impostazione di Google Calendar che consente a chiunque di inserire inviti a eventi nel calendario di un altro utente.

In questo modo, un evento misterioso apparirà nel Google Calendar dell’utente preso di mira; la descrizione lo inviterà a sottoporsi a un sondaggio o a richiedere un premio in denaro; ciò include un link che richiede all’utente di inserire informazioni personali e i propri dati bancari. L’architettura di Google Calendar, sfortunatamente, dà a questa procedura terreno fertile, dal momento che avere un evento programmato nel proprio calendario potrebbe innescare notifiche al riguardo. Gli utenti devono essere quindi diligenti nel sapere se loro o qualcuno che conoscono possa avere inserito l’evento nel calendario, o se tale invito provenga da una fonte sconosciuta.

Ma c’è una soluzione per evitare di cadere in questa truffa? Ovviamente sì. Basta cambiare le impostazioni sulla privacy disattivando quella che aggiunge automaticamente gli inviti al proprio calendario (e, chiaramente, non accettare gli inviti sospetti e che non si conoscono). Inoltre, è bene assicurarsi che la voce “Mostra eventi rifiutati” sia deselezionata: in questo modo, quelli sospetti non perseguiteranno più l’utente nemmeno dopo averli rifiutati.

Google consente di invitare facilmente le persone agli eventi senza dover ricorrere a noiose catene di e-mail. Ma, purtroppo, dove c’è una possibilità di violare la privacy di terzi, c’è un truffatore pronto a sfruttarla. Intanto il colosso della ricerca ha reso disponibile per la prenotazione il controller di Stadia, separatamente dalla Founder’s Edition, al costo di 69 euro (è bene ricordare che il sistema di gioco via streaming sarà disponibile dal prossimo novembre).

Fonte: Wired • Immagine: Google